Published On: ven, Ott 21st, 2016

Critiche all’amministrazione di Santa Margherita ligure

Di seguito un comunicato stampa del gruppo consiliare Insieme Santa nel cuore, che contesta molti punti nodali al sindaco di Santa Margherita ligure Paolo Donadoni, dopo il Consiglio comunale dello scorso 10 ottobre.

“…Vista l’inerzia di questa amministrazione Donadoni il cui motto è “faremo, studieremo, abbiamo i progetti pronti, non è la nostra priorità quando li mettiamo a confronto con problemi seri che affliggono la città” l’opposizione si trova costretta a convocare continuamente consigli comunali; nonostante ciò quando si arriva a pratiche importanti, quale il resoconto a metà mandato (non dopo 100 ma dopo 842 giorni ) e promesse realizzate oppure quando si deve discutere della facilità con la quale si concedono  i patrocini, la maggioranza in assemblea, non in città,pensa bene alle ore 00.05 di votare la sospensione del consiglio, situazione mai successa nei tempi passati, con il voto negativo dell’opposizione , maggioranza in città.

Veniamo alle pratiche:

  1. 1) Modifica regolamento per sale da gioco: votato all’unanimità. Ciò nonostante l’Amministrazione non sembrava essere a conoscenza del problema in città. Consiglio di sensibilizzare il comitato genitori della scuola elementare e media e le associazioni di volontariato in particolar modo quelle sportive affinchè possa emergere il problema nella sua vera realtà; è stato detto che i dati relativi alla ludopatia dell’ASL 4 Chiavarese denunciano un aumento del 92% dal 2015 al 2016.

E’ stato rimarcato il fatto che la consulta del volontariato, nella quale l’opposizione è rappresentata del consigliere Bottino , non è stata edotta di alcuna iniziativa in tale senso.

  1. 2) Borse lavoro: la relazione dell’assessore Cozzio è stata abbastanza precisa ed esaustiva;  l’opposizione ha criticato l’emolumento mensile che questi lavoratori percepiscono, 300 euro  mensili per un impegno di 4 giornate la settimana e ha proposto che i Servizi Sociali si adoperino per far assumere il personale meritevole presso le Cooperative assegnatarie già di lavori  comunale e ha proposto un ordine del giorno che impegna la Giunta  a continuare a sostenere il servizio di inclusione sociale e stanziare nel prossimo bilancio una cifra maggiore per dare dignità lavorativa a questi signori.
  2. 3) Utilizzo della Casa del Mare: è stata criticata l’inerzia verso questa struttura , peraltro ormai consuetudine per questa amministrazione; infatti è ritornata in capo al Comune ad aprile 2016 e a tutt’oggi nulla è stato fatto se non chiacchere; l’opposizione ha denunciato il fatto che dello stanziamento iniziale nei capitoli inerenti manutenzione ordinaria e straordinaria degli stabili di proprietà o in uso al Comune e delle strade  di euro 978.421 né sono stati impegnati (e forse non ancora spesi) 556.330 e sono ancora disponibili a metà ottobre 2016 euro. 422.091; tutto ciò cosa significa: “prendere i soldi dalla tasche dei cittadini è non saperli spendere” ovvero amministrazione fallimentare.

L’opposizione ha inoltre caldeggiato la concessione della struttura al consorzio delle Associazioni sportive (S.C.Argus, L.N.I. e Circolo Velico) + Associazione Culturale con apposita convenzione in modo che la struttura rientri come sede culturale in senso lato della città; naturalmente la risposta scontata del Sindaco è stata : vedremo,ci penseremo, abbiamo fatto sopraluogo  ect…… ed è stato votato negativamente l’ordine del giorno che proponeva:

  1. la redazione di un progetto di manutenzione ordinaria di tutto la stabile compresa la sede dell’imbarcazioni e spogliatoi della S.C.Argus e il relativo finanziamento , pur avendo a disposizione euro 205.969 (complimenti !!!!!!)
  2. La concessione alle Società già menzionata sopra.
  1. 4) Stato balneabilità delle acque:una delusione totale per la dimostrata incapacità di controllare e far controllare il territorio ; ultimo caso la rottura di fognatura nel quartiere di S.Siro con la riparazione del guasto dopo  4/5 giorni,

Pensate cosa sarebbe stato detto da questo signore se fosse stato l’artefice di uno del più importanti lavori strutturali finanziato dall’Autorità d’ambito del Servizio Idrico Intergrato  della Provincia di Genova per la somma di euro 13.000.000 circa ovvero il nostro depuratore affermazioni di contatti continui con la Mediterranea acque  se si  bea come grandi opere l’aver ottenuto l’allaccio del gabinetto pubblico sito a Nozarego dopo circa 18 mesi e il progetto ( sembra non ancora agli atti e senza finanziamento) della sostituzione delle pompe per la fognatura nella zona di Corte e Miramare; aver poi asserito che il servizio idrico integrato (acquedotto e fognatura ) è di proprietà della mediterranea Acque e la colpa della vendita è stata delle precedenti amministrazioni dimostra l’ignoranza chi ci amministra,il quale  non conosce che a bilancio in entrata ogni anno viene messa la cifra relativa all’utilizzo della rete, che è rimasta di proprietà comunale (dal pompaggio dell’acqua in quel di Coreglia Ligure fino al serbatoio di Valle d’arze in Via Repelllini passando per il territorio di Rapallo e precisamente da S.Maurizio di Monte e da Via Banchi) e non conosce la legge galli che imponeva un gestore unico a livello provinciale. Ovviamente l’ordine del giorno, che impegnava la Giunta a:

  • stanziare idonea cifra per il 2017 atta a controllare in proprio la balneabilità delle acque marine mensilmente e
  • a pretendere una certificazione del avvenuto controllo da parte del gestore

è stato bocciato.

Abbiamo anche denunciato un fatto a nostra avviso grave e in linea con l’arroganza del potere ovvero  non aver invitato ad una riunione con Mediterranea Acque l’opposizione, quado era presenti tutte le attività economiche della città; segno di grande fair play

5)         Realizzazione Museo Multimediale intitolato a C. Sbarbaro: pur riconoscendo la bontà dell’iniziativa l’opposizione ha puntato il dito sulla mancata programmazione ovvero prima  si è programmato di spendere euro 50.000 in un appartamento di proprietà del Pii Istituti per realizzare una pinacoteca, ma solo dopo un anno e dopo nostre sollecitazioni sono iniziati (crediamo ) i lavori, buttando al vento euro 3.600 in affitto di un anno senza utilizzo della struttura e non preoccupandosi della viabilità pedonale per l’accesso alla struttura ,poi  si impegnano altri euro 25.000 per realizzare il museo multimediale presso Villa S.Giacomo ma non si sa dove perché a domanda precisa il sindaco ha risposto col la sua nota arroganza che lo dirà la prossima volta.

Nuovamente le richieste dell’opposizione quali  di portare a conoscenza al C.C. le stanze ancora da restaurare nel complesso di Villa Durazzo compresa Villa S.Giacomo e Villa Nido, di relazionare sullo stato della prevenzione incendi, di predisporre gli atti per abbattere le barriere architettoniche presenti per raggiungere tutti i piani delle strutture sopracitate , di reperire le risorse necessarie per eseguire le opere, di concentrare la collocazione di iniziative culturali  nel complesso di Villa Durazzo sono state bocciate; tale atteggiamento ci fa pensare che probabilmente il complesso di Villa Durazzo  è stato venduto al Sig.Paolo Donadoni quale residenza privata e andremo perciò a controllare il catasto degli immobili.

Ricordiamo ai lettori che sono sempre disponibili a tutt’oggi euro 205.969 (complimenti!)

6)         Rifacimento strade pubbliche: La manutenzione del territorio è un atto dovuto dall’Amministrazione Comunale e in particolare il mantenimento o il ripristino di manufatti e vie storiche  che identificano il territorio nella sua originalità e antichità, alcune strade e sentieri hanno perso la loro originalità per incuria, tra queste in città spiccano la scalinata all’ospedale , la via 3 Novembre , via Giunchetto e via Manara.Alla richiesta dell’opposizione  di inserire nelle opere pubbliche il rifacimento di tale vie e di  finanziarle nel 2016 ovviamente la risposta è stata negativa e non nelle loro priorità e ha annunciato che un’associazione si è proposta per la redazione del progetto di Via 3 Novembre; alla domanda precisa se a questa associazione ,presentatasi pare dal sindaco per la richiesta di rifacimento della scalinata, sia stato risposto  che il Comune non aveva la possibilità di dare l’incarico per la progettazione ma aveva la somma (dove , in quale atto !!!!!) per la realizzazione dell’opera la risposta è stata molto evasiva , puntando sul fatto che tale associazione si era fatta di sua iniziativa promotrice della redazione del progetto. Quale sarà la verità!!!!!

7)         Automezzi del Comune: l’opposizione ha denunciato situazioni a dir poco sconcrtanti quali mezzi del comune sovradimensionati per le necessità (5 giardinieri e 6 mezzi uguali) e alcuni senza logo del Comune  , mezzo in uso alla Tutela Ambiente fermo da un anno senza manutenzione (chissà se un mezzo di proprietà di un membro delle giunta fosse rimasto un anno fermo sulla strada), motocicletta in dotazione alla Polizia Municipale acquistata da più di un anno senza le dotazioni necessarie per l’identificazione ; ma la situazione più sconcertante  è che alcuni mezzi vanno a propulsioni mista (benzina /GP) e a tutt’oggi non è stata stipulata una convenzione per il rifornimento nell’unico distributore che è situato sulla Violara e non in qualche stato estero.

L’ accusa dell’opposizione è stata quelle di nuovamente sperpero di denaro pubblico e sarà nostra intenzione verificare quanto in un anno si sarebbe risparmiato se i mezzi fossero stati riforniti di GPL invece che di benzina.

Il tutto però calza bene perché in linea con le promesse non mantenute ovvero mettere in atto azioni per ridurre l’inquinamento atmosferico.”
Gruppo “Insieme Santa nel cuore”
Comune Santa Margherita Ligure