Published On: Mer, Mar 18th, 2015

Depuratore: IREN persevera nell’errore. Urgono cambiamenti di rotta

L’IREN ha oggi ribadito l’economicità del depuratore comprensoriale unico del Tigullio orientale.
Fortissimi dubbi su questa improvvida presa di posizione. Perseverare sed diabolicum, dicevano i latini…
Con tutta la buona volontà, un depuratore che costava quasi 100 milioni di euro, con problemi ambientali non da poco, e realizzato in 10 anni, a noi sembra una barzelletta improponibile.

Ma tutti possiamo sbagliare. Ammettiamo che quel progetto -anche se bocciato dal Comune di Lavagna che doveva ospitarlo- fosse invece ambientalmente, economicamente, logicamente corretto.
Resta almeno un dubbio insuperabile: è possibile che un progetto così ampio venga affidato a un solo soggetto attuatore come IREN, legato agli Enti locali?
Ciò è in barba ai requisiti minimi della democrazia del libero mercato, che impone la presenza di più aziende in concorrenza tra loro.
Il fatto che per il Comune di Lavagna si sia trovata una soluzione che costa meno di 10 milioni, realizzabile in pochi mesi, e in grado di servire Lavagna, Cogorno e le valli, è indicativo. Ha ragione Ezio Chiesa nel chiedere che si proceda con la richiesta di più progetti, in modo da valutare al meglio sia la soluzione del depuratore unico, sia quella con due depuratori (l’altro andrebbe posizionato nel Comune di Sestri Levante).

E’ l’unico atto politico e tecnico sensato, in questa fase. Lella Paita, con tutto il PD e la maggioranza in Regione dovrebbero ammettere che si è puntato su una soluzione priva dei necessari requisiti di concorrenza, libero mercato, presenza di un progetto credibile. Viceversa la maggioranza (sia nella componente “bersaniana” sia in quella renziana) rischia di pagare dazio nelle prossime elezioni, come è successo per le comunali di Lavagna. Nel Tigullio (130.000 abitanti) ormai tutti si sono fatta un’idea negativa sul progetto Iren. Perseverare con quello sarebbe un suicidio politico assurdo.

Raffaella Paita

Raffaella Paita

LOCANDINA depuratore

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. L'ase ha detto:

    E’ sperabile che i nostri nipoti vedano la costruzione dell’opera che si presenta faraonica. Del costo e dei lavori ne parleremo a tempo debito. I prezzi,come per tutti i progetti lieviteranno,oh se lieviteranno. Poi dandoli ad una sola Ditta! Dopo,inchieste su inchieste e i lavori che, obbligatoriamente,si fermano.Ma tutti i cittadini,in special modo quelli di Lavagna,hanno gli occhi foderati di prosciutto? E i Sindaci che,proprio da questi cittadini,sono stati eletti?

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>