Published On: Lun, Gen 13th, 2014

Dimissioni in massa a Rapallo: Stop al sindaco Costa, si va al voto

Venerdi sera, durante il convegno sul rilancio del Tigullio, il sottoscritto era seduto a fianco del sindaco di Rapallo Giorgio Costa, il quale discuteva fittamente coi suoi vicini Bagnasco e Gabriella Mondello. Prima di andare via, gli ho chiesto:
Che cosa succede lunedi?
“Andremo dal prefetto con altri sindaci, per discutere della drammatica situazione della ATP…”
No, intendevo: cosa succede alla sua Giunta lunedi. Risolverà la questione con la Udc? 
Nulla, non succederà nulla. Ne stiamo parlando con la Mondello, come vede, ma serenamente…”

Invece oggi si sono dimessi in blocco tutti i consiglieri di opposizione, a partire da quelli che erano in maggioranza come Capurro, Covre, Amoretti, Bagnasco e Malerba. L’Udc ha colpito basso, evidentemente.

Sul primo della lista ( Capurro), Costa non aveva illusioni, e non riferiremo qui i suoi commenti su Capurro, durissimi e più psicologici che politici… Costa  ci ha detto di essersi deciso a candidarsi soprattutto per pressioni di colui che poi lo ha silurato, passando tra i primi dalla maggioranza alla minoranza…
Quanto alla Mondello, evidentemente è una politica consumata che sa come muovere i suoi colpi, e ha il cinismo necessario per saltare o scendere in un attimo da ogni barca a seconda se è in difficoltà o naviga a vele spiegate.

Tutti i dimissionari e tutta Rapallo sottolineano l’onestà di Costa. Le critiche si muovono soprattutto contro l’indecisionismo che ha caratterizzato la sua Giunta, anche se va detto che Costa era tirato per la giacchetta da più parti e non è persona da reagire come sarebbe stato necessario: con calci e pugni (politici, non fisici).
A quanto si dice, saranno Capurro e Bagnasco due prossimi candidati sindaco. A sinistra si riproporrà la Cerchi?

Ripeteremo con l’Ecclesiaste: “Niente di nuovo sotto il sole”?
comune_rapallo_2

Displaying 3 Comments
Have Your Say
  1. Paolo Pi ha detto:

    Non ha molta importanza che i nomi siano vecchi o nuovi. Due sole cose contano: in primo luogo che ci si renda conto del grossolano errore di valutazione che noi elettori abbiamo fatto alle ultime ammistrative ed in secondo luogo che la futura amministrazione (vecchi o nuovi che siano i volti) sappia essere sensibile e ricettiva verso i cambiamenti socio-economici cui ci troviamo di fronte e che toccano tutti

  2. Marco ha detto:

    Adesso assisteremo alla corsa alle alleanze impossibili: Costa si schiererà con Campodonico, Bagnasco attirerà i transfughi della vecchia maggioranza, l’UDC ????…. i vecchi avversari che 2 anni anni fa erano il vecchio, il male di Rapallo, ora diventeranno ottimi compagni di viaggio per cercare di guadagnare un cadreghino! Prepariamo a vedere la solita manfrina, nulla di nuovo sotto il sole. Spero che qualche forza politica o civica sia coerente con quanto detto e fatto in questi 2 anni.

  3. Riccardo Mele ha detto:

    Non mi sembra che quelli elencati siano gli unici referenti politici che potrebbero presentarsi, se gli elettori davvero vogliono un cambiamento sanno cosa fare.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>