Published On: Lun, Mar 18th, 2013

Discarica comunale di Ca’ da Matta. Visita dei giornalisti, dati

Nella giornata di sabato il Comune di Sestri Levante (il sindaco Lavarello, l’Assessore Lavarello, l’assessora Ghio, il dirigente ing. Bonardi (responsabile del servizio) ha organizzato un incontro con la stampa nella discarica di Ca’ da matta, dove ci attendeva il gestore Pastorino (che è anche presidente del Rivasamba calcio).

Ca' da Matta, la discarica

Ca’ da Matta, la discarica

Ecco quanto è emerso.
– La discarica costa 350.000 euro all’anno soltanto per accantonamenti per la gestione futura dopo la chiusura (per 30 anni una discarica dev’essere manutenuta).
– La frazione umida raccolta da ristoranti e mense viene tenuta in alcuni cassoni, che vengono poi trasferiti a cura della società Aimeri a… Voghera. Come dicevamo nell’incontro coi candidati sindaco, il problema nascosto della raccolta differenziata è il costo ambientale (ed economico) del trasporto in altre regioni. E’ pura follia che le bucce di arancia dei nostri figli finiscano a Voghera…
– Il rio Gaggi era limpido e senza schiume. Si segnalava la presenza di pesci. I parametri ora sono in tutti i parametri stabiliti.
– Nella discarica il ciclo di gestione prevede che in ogni lotto ci siano 3 livelli di isolamento dei rifiuti dal terreno (bentocemento, manto speciale etc.). Sotto la copertura isolante esiste un sistema di scorrimento dell’acqua piovana e un sistema piezo di controllo di eventuali spostamenti del terreno. Al di sopra vi è invece un’altra copertura (capping).
Vedere nelle foto che il percolato prodotto in questi giorni di forti piogge è un filo d’acqua. Il percolato stesso viene trattata da un depuratore e poi reimmesso nella discarica per essere autofiltrato. Eventuali fanghi vengono asportati e trattati a parte.
– Il sistema di biogas si era guastato a causa del gelo, che aveva anche bloccato una pompa dell’acqua. Era questa la causa dell’alto livello di acqua riscontrato dall’Arpal. In ogni caso il percolato non potrebbe comunque essere rilasciato nell’ambiente circostante.

Impianto di biogas

Impianto di biogas

Nota di Tigullio News
Gli alti costi di gestione della discarica impongono che la spazzatura diventi produttrice di denaro come avviene da 30 anni nel nord Europa, e non un costo ambientale ed economico, come avviene in Italia e tutte le nazioni in crisi economica (non a caso le nazioni europee che non fanno raccolta differenziata e incenerimento sono tutte quelle in crisi: Italia, Grecia, Spagna, Irlanda.)
La nostra burocrazia e la nostra classe politica tendono a vedere solo le soluzioni macro tipiche del ‘900. Servono invece soluzioni micro e veloci. Soluzioni locali. Oggi è possibile gestire in autonomia un mini-inceneritore locale, che renda invece di costare. Si calcoli che ogni 3-4 anni le soluzioni tecnologiche cambiano: costruire oggi un mega impianto a Scarpino (così come un megaimpianto di depurazione fognaria a Lavagna?) costerebbe centinaia di milioni. Ma coi tempi burocratici italiani, quando entrerebbe in funzione sarebbe già fuori dai futuri parametri imposti dalla UE o da Roma…

In ogni caso, ci sembra che di questo si debba parlare quando si parla di discarica e gestione della spazzatura urbana. Oltre che di guerra al packaging. Oltre che di incentivi e punizioni insieme. (Vedere anche il video e le foto qui sotto).

Percolato raccolto in cisterna

Percolato raccolto in cisterna

 

Rio Gaggi

Rio Gaggi

 

ca da matta panoramix dal basso

20130316_130612

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>