Published On: Mar, Mag 7th, 2019

Due parole su Manduria: Servizi Sociali

Punire e redimere i ragazzi sciagurati che hanno portato a morte un povero uomo colpito dal destino già abbastanza sarà necessario.
Ed è possibile interrogare i vicini (e le scuole dei tormentatori) per chiedere loro perché sono stati zitti per troppo tempo.
POI PERO’ c’è una responsabilità che non viene neanche presa in considerazione dai cacicchi dell’informazione: quella del COMUNE di Manduria…

Ma come, non c’erano i Servizi sociali a seguire la vittima, tormentata per lungo periodo dai ragazzi sciagurati?
Se in quel Comune c’è un servizio pubblico di assistenza alle famiglie e ai single in disagio, come mai nessuno ha fatto nulla?
E se non c’erano assistenti addetti alla vittima, che ci sta a fare l’amministrazione locale di Manduria?
Erano servizi sociali o Servizi segreti?
Qualcuno doveva esserci, visto che il Comune di Manduria attua progetti ambiziosi come la “rigenerazione urbana” (ma con qualche problema…)

Se i cittadini erano tenuti a sapere e a denunciare, dov’era l’istituzione pubblica che per legge dovrebbe seguire le persone bisognose e “border”?

Se i Cacasenno che pilotano la rotta dei lemming della società occidentale verso il baratro -i politici comandanti e i nostromi giornalisti- nemmeno riescono a soccorrere chi resta indietro e a produrre uno straccio di ragionamento (con poche eccezioni), come potremo trovare una risposta al nulla in cui si è sviluppata la “piccola” malattia mortale di Manduria?
A chi dobbiamo rivolgerci? Ai ragazzini nati senza cuore?
A quei cittadini del quartiere che nulla videro e sentirono?
Ai tutori dell’etica nazionale (che non ci sono, come si vede… e che ci sono, come si vede) ?
Ci siamo abituati a vivere senza ragionare e vivere in autonomia: le istituzioni non sanno più agire bene e le persone hanno smarrito la compassione e il senso del dovere.
Servizi sociali, ma non solo.

Piazza del Municipio, Manduria