Published On: Dom, Mag 10th, 2020

Dura estate per i ristoranti del Tigullio. Due soluzioni a Rapallo e Sestri. Il futuro è pedonale

Dopo due importanti incontri di albergatori, balneari e ristoratori del Tigullio (organizzati da Liguria Together e Sestri Levante In) cresce la pressione di tutto il comparto turistico del Tigullio per dare spazi in più agli esercenti. A Sestri Levante il Comune, su proposta degli operatori turistici, stava studiando la pedonalizzazione di una corsia della passeggiata a mare, ma è Rapallo il primo comune a dare il via alle pedonalizzazioni, di cui si parla da decenni, invano. La prossima estate infatti l’utilizzo del lungomare di Rapallo sarà esteso ai tavolini di bar e ristoranti, anche se il traffico rimarrà aperto, data l’impossibilità di chiudere la strade alle auto, interrompendo complicando enormemente la viabilità verso Portofino Vetta (lungo la SS Aurelia) e verso Santa Margherita e Portofino borgo.
L’annuncio è ufficiale, dato che arriva dal sindaco Carlo Bagnasco e dal presidente del consiglio comunale Mentore Campodonico.
Il punto è che la passeggiata di Rapallo, anche se ha bisogno di una netta ristrutturazione (sopratutto a levante del Castello), ha la possibilità di ospitare sul suo marciapiedi sia i pedoni sia i tavolini dei bar e dei ristoranti, obbligati dalle regole sanitarie a non affollare gli spazi chiusi dei loro locali.
Senza ristoranti operativi, languirebbe anche la stagione degli hotel e dei balneari.
La stessa possibilità c’è anche a Chiavari, dove il lungomare è ampio, anche se distante dal centro storico della città.
Più complicato a Lavagna e a Sestri Levante, dove sarà giocoforza chiudere tutto il transito veicolare, perché mettere i tavolini dei ristoranti su una corsia e le auto su quella contigua sarebbe ripetere il set di un vecchio spot Cynar (“Contro il logorio della vita moderna“…). Del resto, sarebbe complicato mettere dei tavolini sul lungomare di Sestri, già ristretto a causa della comunque utile pista ciclabile e per chi corre.
Quindi l’unica possibilità è la pedonalizzazione.
Ovviamente, a Sestri una corsia resterebbe comunque vuota, per rendere possibile il traffico di emergenza (ambulanze, polizia, Vigili del Fuoco etc.) e il traffico del porto per yacht e pescherecci. Ma la pedonalizzazione sarebbe un bel atout in una partita a poker durissima, nell’estate del coronavirus… E anche per le stagioni future. Il futuro delle passeggiate a mare di tutto il Tigullio potrebbe proprio vedere una pedonalizzazione diffusa.
Situazione migliore a Riva trigoso.

Rapallo
Passeggiata a mare nei giorni del coronavirus