Published On: Mer, Ott 16th, 2013

Dura replica di Insieme per Casarza al sindaco Muzio sul Bilancio

Insieme per Casarza, gruppo di minoranza di centrosinistra in Consiglio comunale, replica agli “attacchi, anche personali, che abbiamo ricevuto in questi giorni da parte del Sindaco uscente”.
L’argomento è il BILANCIO PREVENTIVO 2013

L’opposizione ricorda le dimissioni dell’ex capogruppo del gruppo di maggioranza “Casarza è di tutti” per “scarsa trasparenza e poca comunicazione”.

Inoltre il Vicesindaco non è “quasi mai presente alla Giunta Comunale” così come alcuni assessori.

Rispetto al Bilancio, l’opposizione ricorda che il sindaco Muzio in campagna elettorale aveva affermato che un bilancio virtuoso non può essere ottenuto facendo pagare il conto dai cittadini, ma riducendo le spese. Si tratta di “Una gestione disastrosa, con aumento delle spese correnti e relative maggiori entrate di cui i cittadini di Casarza cominciano a prendere coscienza (vedi aumento del costo del rifiuti con un servizio assolutamente fallimentare sotto gli occhi di tutti, le spese sulle consulenze assolutamente sproporzionate, le feste, le manifestazioni, ecc.). Il Sindaco cita spesso i Mutui ma gli ricordiamo che sulla spesa corrente incidono solo gli interessi che con 202.000 euro sono il 5% circa del totale della spesa e comunque negli anni hanno contribuito alla realizzazione di investimenti per oltre 20 milioni di euro aumentando lo stato patrimoniale del nostro Comune del 1200%La riduzione dei trasferimenti erariali è una costante che inizia ben prima del 2009 e coinvolge tutte le amministrazioni del paese. L’aumento della spesa e la pressione delle tasse sui cittadini pone il nostro Comune tra i più tartassati con un livello di servizi non certo di eccellenza.

 Anche sulla più volte citata addizionale IRPEF il Sindaco si nasconde dietro ad affermazioni che lasciano il tempo che trovano. Certo nel 2009 la precedente Amministrazione ha aumentato l’aliquota IRPEF con un gettito stimato di circa 490.000 euro, ma negli anni successivi la giunta Muzio poteva ridurla se voleva. Non perché lo abbiamo detto noi ma perché lo  ha annunciato in pompa magna il Sindaco Muzio nell’ambito delle facili promesse elettorali

Per informazione il gettito dell’addizionale IRPEF stimato nel 2013 è di 595.000 euro. Tra i 490.000 euro del 2009 e i 595.000 del 2013 ne passano 105.000 di euro. Questa è la ragione per cui, visto il maggiore gettito, abbiamo sempre proposto che, secondo noi, vi erano gli spazi per un intervento di revisione dell’aliquota, in subordine per le fasce di popolazione più svantaggiate

ENTRATE

Rispetto all’anno precedente (2012) le entrate correnti passano da 4.007.245,82 euro a 4.609.082 euro con un aumento nel 2013 di 601.836,18 euro pari a circa il 15%.

Le entrate si suddividono in 3 macro aree denominate Titoli.

Le entrate del Titolo 1 (IMU, Tares, Fondo riequilibrio, Fondi compensativi, ecc.) passano da 3.380.293,26 euro del 2012 a 3.857.673,00 con un incremento di 477.379,74 euro pari al 14% circa.

Le entrate del Titolo 2 (contributi stato ecc.) passano da 184.273 euro del 2012 a 348.987,75 euro del 2013, con un incremento di 164.714,75 euro pari all’89%.

Le entrate del Titolo 3 (fitti, concessioni cimiteriali, violazioni stradali(19.000), refezione scolastica, ecc) passano da 442.678,95 euro a 402.421,69 euro del 2013 con una diminuzione di 40.257,26 euro pari al 9% (diminuzione entrata concessioni cimiteriali, violazioni stradali e poco altro)

Nel dettaglio possiamo evidenziare che il totale delle entrate  dell’IMU subisce un incremento del 30%e cioè da 1.710.000 euro del 20012 passa a 2.230.100 nel 2013 con un aumento di 520.100 euro pari al 30%.

La Tassa rifiuti passa da 607.772,00 euro circa del 2012 agli 825.300 euro del 2013 con un aumento di 217.528 euro pari a circa il 36%.

SPESE

Le spese correnti passano da 3.775.351,55 del 2012 a 4.367.906,85  del 2013 con un aumento pari a 592.555,30 euro pari al 15,70%.

Nel dettaglio di alcune voci di spesa possiamo evidenziare un aumento delle spese demaniali, probabilmente oneri di concessione (15.000 euro). Aumento delle spese di assistenza scolastica (39.000 euro). La sola voce di costo della prestazione del servizio rifiuti subisce un incremento rispetto al 2012 di 153.005 euro pari al 30%.Un incremento di circa 25.000 euro si registra sui servizi sociali. E poi molte spese discrezionali quali contributi, feste, manifestazioni, gestione campo sportivo comunale, una spesa sproporzionata di circa 154.000 euro in consulenze, aumento bollette energia elettrica e gas nonostante i buoni propositi di campagna elettorale in cui Muzio si impegnava a corrispondere energia a costo zero per tutte le utenze pubbliche ecc. 

Quindi ricapitolando se sommiamo le maggiori spese indicate da Muzio, pur considerando i canoni demaniali che a noi risultano 15.000 per il 2013 ma vogliamo tenerci larghi e prendiamo i 60.000, abbiamo un aumento di spesa di 171.000 euro. E gli altri 421.555 euro dove sono finiti?

 

Il sindaco di Casarza Claudio Muzio

Il sindaco di Casarza Claudio Muzio

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Roller ha detto:

    Non fu l’opposizione a inaugurare, non ancora operativa e non a norma una casa di riposo che NON POTEVA ESSERE APERTA? Mi lasci indovinare a quale “agenzia di servizi” l’opposizione la vorrebbe dare in gestione? Forse è al di là del Petronio?

  2. Roller ha detto:

    Caro Sindaco, l’opposizione il Principe di Machiavelli non l’ha mai letto.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>