Published On: Mar, Lug 2nd, 2013

E’ morto Mazreku, presidente di Porto di Lavagna Spa

Albanese di origine, con passaporto statunitense, ha sempre vissuto in Italia, aveva 80 anni. Il presidente della società Porto di Lavagna, che gestisce l’approdo turistico più grande d’Europa è morto di tumore a Lugano, in Svizzera.

Si è molto parlato di lui a proposito di intrecci tra i capitali della criminalità riciclati, e anche di traffico di materiali tossici. Denunciato più volte ha però potuto sempre continuare la sua attività. Nel 2007 una bottiglia Molotov fu lasciata sotto la sua limousine nel porto di Lavagna, evidentemente un atto intimidatorio. Una biografia giudiziaria di questo personaggio si trova sul sito di Casa della Legalità e della Cultura.
lavagna-1

Displaying 4 Comments
Have Your Say
  1. Bastava controllare inizialmente a chi veniva dato in gestione il porto di Lavagna.La richiesta del certificato “ANTIMAFIA”(tra l’altro obbligatorio.)per le societa’, non e’ mai stato richiesto, ne prima ne dopo, nonostante fosse stato reclamato piu’ volte.Evidentemente a qualche persona fa comodo cosi’.Molto comodo…….

  2. rino lagomarino ha detto:

    Quali erano le frequentazioni più scottanti negli ultimi tempi di chiavaresi e lavagnesi con questo signore appena defunto? Il vostro giornale senz’altro lo sa…perché non pubblicare qualcosa? Grazie e cordiali saluti

  3. GIUPPINO ha detto:

    A leggere la biografia giudiziaria vengono i brividi!!
    dico solo che nel 1934 a Chicago Al Capone veniva arrestato per reati fiscali!! In italia abbiamo la gdf, polizia tributaria!! Peccato che in italia la fai franca se ammazzi qualcuno, quindi figuriamoci per evasione o riciclaggio o altro reato finanziario!!

  4. Armanino&Caveri staranno brindando con il miglior tavernello..
    Ora gli amici del Vice da 9 anni potranno riprovar l’assalto al porto..

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>