Published On: Gio, Mag 22nd, 2014

Editoria digitale nel Tigullio, nasce Kymaera edizioni

Tempi duri per gli editori classici della carta stampata, dai libri ai giornali. Colpa degli editori che non hanno saputo coltivare i giovani autori, col risultato che la nostra letteratura è competitiva solo sul piano del “noir”. Colpa dei direttori di giornali, nessuno dei quali ha capito che ciò che serve non sono le notizie del giorno prima, ma gli approfondimenti, i commenti, lo spessore culturale.

In questo quadro, comunque difficile, ma in evoluzione verso il web, è stata fondata a Cogorno “Kymaera Edizioni”, nuova realtà del Tigullio attiva nel campo dell’editoria digitale. Kymaera è nata dall’intuizione e dalle idee di Annalisa Panesi, 29 anni, master in editoria cartacea e multimediale, blogger e grande appassionata di lettura e letteratura. “Dopo il master – afferma Annalisa – ho collaborato sia con privati che con case editrici nel ruolo di editor, di correttore di bozze e di consulente per gli e-book. Questa esperienza ha fatto crescere in me la volontà di impegnarmi in prima persona e di mettere in gioco la mia formazione e le mie capacità nella creazione di un progetto tutto mio. Da qui – prosegue – la scelta di dare vita ad una casa editrice digitale, basata sulle nuove possibilità di lettura che ci permette l’e-book reading”. La scommessa di Kymaera, dunque, è quella di entrare a poco a poco nel mercato degli e-book, un mercato in continua espansione, rieditando in versione elettronica testi rari del passato non ancora digitalizzati, valorizzando giovani scrittori, cercando partnership con case editrici del nostro territorio non ancora approdate all’e-booking. “Abbiamo già firmato i primi contratti con alcuni autori che pubblicheranno con noi – sottolinea Annalisa – e ci auguriamo di poter continuare su questa strada. Kymaera – conclude – vuole coinvolgere nel suo viaggio tutti coloro che credono ancora nella forza e nella bellezza della scrittura, dell’arte, della cultura”. Collaborano a questo progetto Giulia Di Re, genovese di 24 anni, laureata in giornalismo culturale ed editoria e sceneggiatrice di serie web, e Daniele Pollero, venticinquenne filosofo e scrittore savonese. Oltre ad essere casa editrice di e-book, Kymaera è anche service editoriale e digitale per redazioni e autori.

logo_kymaera

Displaying 3 Comments
Have Your Say
  1. Kymaera Edizioni ha detto:

    Gentile sig. Asquino, nel nostro sito è ben specificato che non chiediamo alcun contributo per la pubblicazione di un e-book, nuovo o ri-editato che sia. A chiunque lo diciamo sembriamo dei pazzi. Sarà anche per questo che amiamo così tanto il nostro lavoro… Un lavoro che è fatto anche di rischi. Ma è proprio il rischio di scommettere su un testo, secondo noi valido, che ci fa essere felici ogni giorno di accendere il computer e aprire la cartella “Proposte”. E poi, se avessimo voluto arricchirci con il nostro lavoro, avremmo fatto ben altro. Saluti, la redazione di Kymaera Edizioni

  2. Redazione ha detto:

    Gentile Asquino, l’editoria di sicuro va rifondata, con criteri più intelligenti e con meno attenzione al mercato della fuffa. Si può fare un ottimo libro -o e-book- senza inginocchiarsi davanti all’idiozia di massa. ANZI, credere nei libri ben fatti e intelligenti significa incrementare il mercato editoriale…

  3. Pasquale Asquino ha detto:

    Ottima l’idea di creare una casa editrice che punti sul digitale. Il futuro, inevitabilmente, è questo. I numeri parlano chiaro. Sono un autore di favole per ragazzi. Sto per vendere con Amazon “un Natale Per Willy”, dopo aver rifiutato una ventina di case editrici con proposte editoriali, a dir poco, scandalose. Spero che Kymaera Edizioni non faccia l’errore di pretendere soldi per la lettura di un testo o per la riedizione sugli e-book. Un editore dovrebbe capire, dopo attenta lettura, se un testo può essere valido o meno. I testi degli autori sconosciuti sono validi solo se l’autore paga l’editore. Come può un editore sentirsi tale dopo essere stato pagato? Vi auguro un grande in bocca al lupo.
    Pasquale A.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>