Published On: Mar, Mag 28th, 2013

Elezioni a Sestri, ballottaggio per Valentina Ghio al 46,9% e Sivori 20,3%

Il voto per le elezioni amministrative 2013 a Sestri Levante dà insieme un segnale di discontinuità e di continuità. Discontinuità: i partiti hanno saputo gestire il cambiamento -almeno formalmente- dando spazio a nuovi candidati e alle liste civiche (vedi Massimo Sivori), dando voce a nuovi riferimenti nazionali (Matteo Renzi e Beppe Grillo).
E’ quasi finito il clima di insulto e denigrazione: si è scelto di pensare un poco di più a risolvere e un poco di meno a dissolvere l’altro.

Continuità. L’apparato funziona sempre. Non a caso ha vinto l’organizzazione del centrosinistra, con le nuove forme di partecipazione civile, che hanno integrato l’apparato classico.
In questo senso anche il M5S non deve piangere per aver preso “appena” il 13.58% dei voti: è stato penalizzato dalle oscillazioni tenute in Parlamento, che hanno causato un calo dei voti in tutta Italia.

Rossignotti si è basato troppo sui punti forti dei M5S (Acqua, rifiuti urbani) e troppo poco sul tema dello sviluppo delle imprese e dei posti di lavoro. Inoltre, Rossignotti doveva proporre una campagna elettorale più aperta.

Valentina Ghio ha avuto dalla sua due grandi atout: il primo è costituito dalla vittoria del partito astensionista, che ha sottratto alle opposizioni una parte di voti. Così, la protesta si è coagulata sulle astensioni, più che sul voto a chi proponeva il cambiamento.
Il secondo atout della Ghio è costituito dalla campagna contraria alla fatta da Mario Chella, l’ex sindaco che ha gestito il piano edilizio Fit, il depuratore etc.
Le durissime critiche e gli attacchi mossi da Chella hanno dato a Valentina Ghio una certificazione di discontinuità dal passato del suo stesso partito -buono o disastroso che fosse quel recente passato.
Se la mossa fosse stata pensata a tavolino, il risultato non avrebbe potuto essere migliore.

Infine, la Ghio ha ottenuto un eccellente risultato grazie anche ad altri fattori: è giovane per lo standard italiano; è una donna, e Sestri gradiva questa possibilità; ha una buona capacità retorica; ha maturato esperienza a livello regionale, con una rete di contatti utili per amministrare; ha infine immesso nel suo programma gli elementi per lo sviluppo che finora a sinistra erano stati proposti da quel Matteo Renzi che era considerato come un outsider, mentre ora è considerato un vincente.

Massimo Sivori per vincere il ballottaggio dovrà sommare i voti di tutti gli oppositori, un compito difficile (si pensi a temi come il golf, l’acqua pubblica, il depuratore), e dovrà convincere l’elettorato che la sua proposta per la crescita economica di Sestri Levante è la migliore. Impresa comunque possibile, anche se Sivori parte col fardello di un -26% di voti da recuperare.

Dati definitivi forniti dal Comune 

Valentina Ghio:  ———–>46.89 %
Massimo Sivori: ———–>20.31
Martino Tassano:  ——–>13.58
Giacomo Rossignotti: —>19.22

Dati e grafica: Comune Sestri Levante

Dati e grafica: Comune Sestri Levante

Preferenze per consigliere:

[1] Massimo  BIXIO Massimo BIXIO Voti 201 % 2.80
[2] Giorgio  CALABRÒ Giorgio CALABRÒ Voti 186 % 2.59
[3] Lucia  PINASCO Lucia PINASCO Voti 181 % 2.52
[4] Mara  FORESTA Mara FORESTA Voti 175 % 2.43
[5] Marco CONTI Marco CONTI Voti 172 % 2.39
[6] Maria Elisa  BIXIO detta ELI Maria Elisa BIXIO detta ELI Voti 164 % 2.28
[7] Luigi  SARTOR Luigi SARTOR Voti 152 % 2.11
[8] Matteo  MAGGI Matteo MAGGI Voti 152 % 2.11
[9] Daniela  PERI Daniela PERI Voti 145 % 2.02
[10] Enrico POZZO Enrico POZZO Voti 130 % 1.81
[11] Pietro  GIANELLI Pietro GIANELLI Voti 125 % 1.74
[12] Matteo  VENTURINI Matteo VENTURINI Voti 116 % 1.61
[13] Giorgio  GRINO Giorgio GRINO Voti 114 % 1.59
[14] Andrea  GARIBOTTO Andrea GARIBOTTO Voti 112 % 1.56
[15] Marcello  MASSUCCO Marcello MASSUCCO Voti 100 % 1.39
[16] Francesco  MUZIO Francesco MUZIO Voti 96 % 1.34
[17] Giancarlo  STAGNARO Giancarlo STAGNARO Voti 92 % 1.28
[18] Mirtha  BARBETTI Mirtha BARBETTI Voti 83 % 1.15
[19] Angelo  BALLERO Angelo BALLERO Voti 83 % 1.15
[20] Mauro  BATTILANA Mauro BATTILANA Voti 83 % 1.15
Displaying 4 Comments
Have Your Say
  1. david ha detto:

    There are definitely many of these, ladies and men downside to through the help of strategy is you may still have to waste premium rate, and the class could be significantly more limited considering that the hands are likely to be tied in connection with the dealership buys they have because of the suppliers. The tactic to particular some of product flawlessness is almost always to eliminate attractions and be accepted as satisfied with similar resources and materials related to Chanel equipment rather than.

  2. GIUPPINO ha detto:

    al ballottaggio un bel vaffa vincente sulla scheda!!
    Non mi sento rappresentato comunque da nessuno dei due!!
    e tutti i giovani che hanno votato per la ghio se ne accorgeranno presto sulle prospettive e gli sviluppi delle imprese e del lavoro su sestri levante!

  3. Il voto alle politiche è libero o meno controllabile.. Per il voto alle amministrative locali si viene ben triturati, ed impacchettati dalla ineguagliabile e rodata macchiana del PCI!!

    Nella loro gioiosa macchina da guerra i clienti non sanno che continuano a metter croci anche su gente dal passato familiare fascista.. facciano un giretto nel frantoio delle terre dei Fieschi per scoprir la giovine gentil pulzella che ha fatto votare la coop T. ha una storia strana.. di fratelli sindacalisti nel solito cantiere navale, ed eletti nel Comune affianco..
    Ricorda un po’ la storia della Matrona prossima sindachessa, la discepoletta cresce pedisequamente facendo le scarpe ai sestrini di generazioni..

  4. GIUPPINO ha detto:

    Titoloni stamattina sul flop del m5s…poi vai a vedere e trovi che è il terzo partito qui a sestri dove per altro si candidavano per la prima volta!!
    Mentre gli affari buoni si fanno con le finte liste civiche!!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>