Published On: Lun, Nov 25th, 2013

Fermi tutti, corteo contro le scie chimiche degli aerei

Si raggiunge lo stato di beotitudine quando non c’è scienza né coscienza. La coscienza è il dialogo interiore. Se non si fa dialogo interiore non si impara a comunicare. Oggi i bambini sono riempiti di parole altrui, e devono rispondere solo cose come “si” oppure “no”. Così poi van tutti dalla logopedista, e i genitori si chiedono perché. Forse perché non parlano più ai figli, epperò li mandano a fare scuola per 40 ore la settimana. La scienza manca del tutto, poi. Ecco una manifestazione alchimistica e apocalittica, quasi come quelle dei 60 milioni di indignati contro qualcuno o qualcosa. Solo che questa è reale. Corteo contro le “scie chimiche”, il vapore di condensazione col quale gli aerei, la Nato, la Trilateral etc. vogliono distruggere il genere umano…
Nemmeno a me piacciono le scie degli aerei, ma non faccio manifestazioni. Mi vado a rivedere i cieli dei quadri del Rinascimento, quelli della bella genovese che fece da modella per la Venere di Botticelli, le foto degli anni ’40 a colori, senza scene di guerra possibilmente. Quei cieli non torneranno più, è vero. Scie o non scie, viaggi nel tempo o no, quei cieli senza fregacci degli aerei non potranno tornare, chimica o metempsicosi collettiva permettendo, naturalmente.
I=mc2 (Italia=masse x cazz.te al quadrato).

cielo scie

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>