Published On: Lun, Giu 15th, 2020

Ferrovie liguri con poche corse. Il sindaco di Lavagna: un metrò di superficie nel Tigullio

Lavagna. Resta sempre complicata la situazione delle infrastrutture liguri, con problemi il cui ennesimo culmine si è avuto la scorsa settimana, quando è stata annullata una seduta del Consiglio di Regione Liguria perché una buona parte dei consiglieri non riusciva ad arrivare a Genova per il traffico autostradale, peggiorato dai lavori in corso…
Le ferrovie non sono da meno (e posiamo un velo pietoso sugli aereoporti…). La Liguria ha ancora 4 linee ferroviarie a un binario solo, e una di queste è la Genova-Ventimiglia-Francia. Mentre a Genova si discute, hanno fatto la Transiberiana TAV merci da Pechino a Mosca e Amburgo (a breve arriverà a Lione). Noi siamo ancora col binario unico e la camionale fascista di Serravalle, spacciata per autostrada…

Facendo seguito alla denuncia di Domenico Cianci, candidato consigliere regionale (lista Toti Presidente), relativa ai servizi ferroviari depotenziati, il Sindaco di Lavagna Mangiante rilancia la richiesta di un concreto intervento in termini di trasporto ferroviario e dichiara: “In questo particolare momento di grande difficoltà logistica, dovuta alla disastrosa situazione delle autostrade, si rende necessario e fondamentale lo sviluppo del servizio ferroviario con un aumento del numero di corse e di fermate, che possano andare a supplire le difficoltà del trasporto su ruote e aiutino cittadini e turisti a spostarsi nel Tigullio , orientale e occidentale, in velocità e sicurezza. Vorrei, per il nostro territorio, che il treno venisse equiparato ad una metropolitana di superficie in grado di soddisfare le necessità sia dei pendolari che dei turisti: perché quindi non pensare ad un trenino che collega le stazioni del Tigullio e, finalmente, costituisce la base per un’ offerta congiunta ma variegata per tutti coloro che frequentano il nostro splendido territorio?

Metrò sotto il mare, a Istanbul
Treno TAV merci Cina-Russia-Germania