Published On: Mar, Lug 12th, 2016

Finalmente accessibili gli importanti archivi comunali di Sestri levante

Sabato 9 luglio il consigliere 5S Martino Tassano e l’insegnante Valentina Guastini, accompagnati dalla Funzionaria Comunale Maria Luisa Lucchesi, hanno potuto visitare gli spazi dedicati all’Archivio Storico del Comune di Sestri Levante, inaugurati e resi utilizzabili da studiosi, studenti etc. dopo un lungo e tragico esilio in uno spazio ad hoc in Piemonte. L’Archivio si trova in Palazzo Fascie -corso Colombo- è composto da 682 volumi contenenti circa tre secoli della storia del nostro comprensorio e del nostro borgo, pressapoco dal 1600 all’anno 1924. Tutta la documentazione custodita è catalogata e tutelata dalla Soprintendenza Archivista Storica. Nel complesso, scrive Tassano…
“…il nostro Archivio risulta essere ad oggi uno dei meglio conservati della Liguria. (…) E’ ora possibile per tutti, curiosi, studenti, storici e altri ancora, poter consultare i preziosi documenti presenti, previa compilazione di un modulo consegnato in loco dal responsabile della struttura.
Saranno necessari ulteriori miglioramenti atti ad accrescere l’interesse dell’offerta storico-culturale e a facilitarne l’accessibilità per la lettura e la consultazione, il tutto affinché con il passare del tempo l’Archivio non perda importanza, ma bensì diventi luogo d’interesse e di studio da parte di molti. Proporremo il trasferimento nell’ Archivio di Sestri di tutta la documentazione che va dal 1924 fino ai primi anni ’50, ancor oggi stoccata e conservata in Vercelli presso un’azienda del settore.
Ulteriore proposta concerne l’avvio di uno studio di fattibilità per la digitalizzazione di tutti i volumi presenti, con lo scopo di rendere fruibili i contenuti in essi custoditi, senza toccare e rovinare gli antichi manoscritti
Un grande passo in avanti è stato fatto in nome della cultura e della storia del nostro borgo, delle nostre frazioni e dell’intero nostro Comprensorio.

Una scoperta fatta da Tassano (appassionato di archeologia che ha rinvenuto antiche monete e altri importanti reperti) riguarda il cimitero di San Nicolò dell’Isola, che nella prima metà dell’Ottocento forse si trovava in altro sito (sempre sull’isola), oppure era diviso in due sedi.
Tassano ha anche richiesto alla fondazione Gualino (il conte Riccardo Gualino acquistò i terreni dell’antica fortificazione genovese, trasformandole in villa nei primi decenni del ‘900) se ai tempi dell’acquisto si presero delle fotografie delle due fortezze (a oggi sono rimaste soltanto poche fotografie dell’esterno, scattate da lontano).
Di seguito, alcune immagini degli archivi sestrini. Ci auguriamo che questi vengano utilizzati nelle scuole: valgono da soli un intero corso di Storia, e la Storia è grandemente importante, come vediamo leggendo le cronache di ogni giorno.
archivio sestri napoleone

archivio sestri 3archivi sestri 1loc archivi sestri

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>