Published On: Ven, Mar 9th, 2012

Finanziamenti Regione allo sport: a Sestri serve un Palazzetto

Sestri Piscine

Di recente il Consiglio della Regione Liguria ha approvato delle modifiche al Piano di promozione sportiva, aprendo di nuovo l’accesso dei Comuni della regione per ottenere dei contributi. “Grazie” a un indebitamento tramite mutuo la Regione erogherà fino a 2 milioni di euro per i piccoli lavori di ammodernamento degli impianti. Di nient’altro si tratta infatti, se non di interventi tampone.

Bene forse per l’Unione Sportiva Sestri Levante, la cui squadra di calcio sta facendo un buon campionato. L’US Sestri Levante potrebbe ora utilizzare un campo sintetico invece di spostarsi a Carasco per gli allenamenti.
La Regione infatti coprirà solo un terzo (con un max di 100.000 euro) degli ammodernamenti di alcune strutture sportive distribuite nella Regione.
Il contributo può permettere di realizzare qualcosa, se accompagnato dai contributi dei Comuni, delle Province, dei privati.

Tuttavia servirebbe molto di più, per rendere la Regione competitiva sul piano turistica. Si pensi alle centinaia di campi da golf del sud della Spagna.
A Sestri Levante, nella pagina Facebook Mugugni del Comune di Sestri Levante (che svolge un’azione di pungolo, utile a cittadini e alla stessa amministrazione, dimostrando che i mugugni non servono solo per non fare ma per proporre) ci si interroga: con i fondi pubblici si può costruire un Palazzetto dello Sport, che a Sestri Levante potrebbe essere un elemento importante di attrazione, oltre ad essere un servizio per i residenti?  In particolare Corrado M.B. chiede se -utilizzando anche il L.R. 7 ottobre 2009, n. 40., testo unico della normativa in materia di sport- il comune di Sestri Levante potrebbe chiedere fondi per la realizzazione di un Palazzetto. Le risposte sono negative (pochi contributi e pochi spazi, dopo i lotti Fit), ma l’idea resta buona. Bisognerebbe però inserirla in un ripensamento generale sull’urbanistica della città, che va ridisegnata tenendo conto dell’esigenza di spazi positivi per il turismo, e di aree per nuovi insediamenti produttivi, evitando così che nascano 1000 bar, ristoranti etc… naturalmente tutti vuoti, essendo in troppi a dividersi un osso già risicato.
In sostanza un Palazzetto ha senso se con questo si riprogetta tutta l’offerta sportiva urbana, mettendola in rete. Il riferimento d’obbligo è il progetto Città dello Sport a Chiavari.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>