Published On: Mar, Feb 26th, 2019

Fincantieri: i ricavi 2018 sono di 5,5, miliardi (+9%)

BILANCIO CONSOLIDATO E PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO 2018: RICAVI IN CRESCITA DEL 9% A EURO 5,5 MILIARDI, EBITDA IN AUMENTO DEL 21% A EURO 414 MILIONI CON UN MARGINE DEL 7,6% SUI RICAVI, CARICO DI LAVORO COMPLESSIVO RECORD DI QUASI EURO 34 MILIARDI

Risultati consolidati 2018[

  • Ricavi record di quasi euro 5,5 miliardi con una crescita del 9% rispetto al 2017 [1]
  • Profittabilità in netta crescita con EBITDA di euro 414 milioni (+21% rispetto al 2017) ed un margine sui ricavi di 7,6% (rispetto al 6,8% nel 2017)
  • Risultato d’esercizio adjusted[2] di euro 108 milioni (+19% rispetto al 2017)
  • Risultato d’esercizio di euro 69 milioni (+30% rispetto al 2017)
  • Indebitamento finanziario netto[3]di euro 494 milioni
  • Nuovi ordini acquisiti per euro 8,6 miliardi: commesse per 27 navi, di cui 14 cruise da 8 armatori diversi, confermano l’efficacia commerciale di Fincantieri. Le nuove commesse da TUI Cruises testimoniano la capacità del Gruppo di attrarre nuovi clienti
  • Carico di lavoro complessivo[4] record per 116 navi ed euro 33,8 miliardi (+29%): backlog di euro 25,5 miliardi (+16%) e soft backlog di euro 8,3 miliardi
  • Consegnate con successo 35 unità da 15 stabilimenti diversi
  • Completato il delisting di VARD ed avviata la piena integrazione con le attività italiane del Gruppo in un’ottica di sempre maggiore coordinamento
  • Continuo focus sulle iniziative strategiche:
  • Poste le basi per la JV con Naval Group in ambito militare, con il supporto dei governi italiano e francese
    • Firmato l’accordo per l’acquisizione del 50% di Chantiers de l’Atlantique (ex STX France). L’operazione, il cui closing è soggetto ad alcune condizioni tra le quali l’autorizzazione da parte delle Autorità Antitrust, prevede anche il prestito a Fincantieri dell’1% del capitale azionario della società
    • Consolidata la presenza nel settore delle infrastrutture mediante l’acquisizione di importanti commesse, una in Romania ed una in Italia per la costruzione del ponte sul fiume Polcevera
  • Avviato il consolidamento di un polo di elettronica e informatica, settore strategico per l’innovazione, finalizzato a rafforzare competenze già proprie dell’azienda nel campo della cybersecurity, automazione, simulazione, training e tecnologie per conduzione autonoma, creando sinergie tra le società del Gruppo
  • Approvato e pubblicato il Piano di Sostenibilità, con l’obiettivo di coniugare la crescita del business e solidità finanziaria con la sostenibilità sociale e ambientale
  • Proposta la distribuzione di un dividendo pari a euro 0,01 per azione

[1] Fincantieri utilizza, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, alcuni indicatori alternativi di performance, al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economica e della situazione patrimoniale e finanziaria. Il significato e il contenuto di tali indicatori sono illustrati in allegato, in linea con la Comunicazione Consob n. 0092543 del 3 dicembre 2015 che recepisce gli orientamenti ESMA/2015/1415
[2] Risultato d’esercizio ante proventi ed oneri estranei alla gestione ;ordinaria e non ricorrenti;
[3] Tale valore non ricomprende i construction loans;
[4] Somma di backlog e soft backlog.

Varo FREMM Margottini, Riva Trigoso
Un ponte co-realizzato in Romania da Fincantieri