Published On: lun, Lug 30th, 2018

Fincantieri: inizio lavori a Riva Trigoso e Spezia per la prima corvetta del Qatar

Alla presenza del Vice Primo Ministro e Ministro della Difesa del Qatar Khalid Bin Mohamed Al Attiyah e del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, accolti dal Presidente e dall’Amministratore Delegato di Fincantieri Giampiero Massolo e Giuseppe Bono, si è svolta oggi presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) la cerimonia per il taglio lamiera della prima corvetta classe “Doha”, commissionata a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale.
I lavori, come sempre nel settore militare, saranno effettuati nelle due sedi liguri di Riva Trigoso (Sestri Levante) e del Muggiano (La Spezia). Si prevede quindi un futuro roseo per gli ordini, anche perché i dati finanziari ed economici del gruppo Fincantieri dei primi sei mesi del 2018 sono positivi (vedi infra).

Fincantieri ha prevalso sugli altri competitor grazie ad un progetto ritenuto il più avanzato e innovativo. La presenza odierna dei due Ministri testimonia la valenza internazionale acquisita da Fincantieri che, grazie all’esperienza maturata nella costruzione di navi hi-tech, si pone come Gruppo di riferimento anche nel comparto militare.

Il contratto, che per Fincantieri vale quasi 4 miliardi di euro, prevede la fornitura di sette navi di superficie, di cui quattro corvette, una nave anfibia (LPD – Landing Platform Dock) e due pattugliatori (OPV – Offshore Patrol Vessel) e dei servizi di supporto in Qatar per ulteriori 10 anni dopo la consegna delle unità. Tutte le navi verranno interamente costruite nei cantieri italiani del Gruppo a partire da quest’anno.

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il Comandante delle Forze Navali dell’Emirato, Staff Major General Abdullah Bin Hassan Al Sulaiti e il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare,Ammiraglio di squadra Valter Girardelli.

La prima corvetta classe “Doha”, di cui oggi si è tagliata la prima lamiera, è progettata in accordo al regolamento RINAMIL e sarà un’unità altamente flessibile con capacità di assolvere a molteplici compiti che vanno dal pattugliamento con capacità di soccorso in mare al ruolo di nave combattente. Avrà una lunghezza di circa 107 metri, una larghezza di 14,70 metri, una velocità massima di 28 nodi, sarà dotata di un sistema di propulsione combinato diesel e diesel (CODAD) e potrà ospitare a bordo 112 persone di cui 98 di equipaggio. Inoltre l’unità potrà impiegare mezzi veloci tipo RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat) imbarcandoli tramite una gru laterale e una rampa situata all’estrema poppa. Il ponte di volo e l’hangar sono attrezzati per accogliere un elicottero NH90.

BILANCIO ECONOMICO-FINANZIARIO AL 30 GIUGNO 2018

  • Ricavi al 30 giugno 2018 in incremento del 10% rispetto al medesimo periodo del 2017, EBITDA pari a euro 183 milioni (in crescita del 25%), EBITDA margin del 7,3% in miglioramento rispetto al 6,3% del 30 giugno 2017 (+16%). Risultato del periodo adjusted[2] positivo per euro 39 milioni (in aumento del 39%)
  • Carico di lavoro complessivo[3]al livello record di euro 29,8 miliardi e pari a circa 6 volte i ricavi del 2017: il backlog al 30 giugno 2018 ammonta a euro 22 miliardi (euro 20,4 miliardi al 30 giugno 2017) con  navi in consegna fino al 2026, mentre il soft backlog è di circa euro 7,8 miliardi (circa euro 5,1 miliardi al 30 giugno 2017), in gran parte trasformato in ordini nel mese di luglio. Il carico di lavoro complessivo consente a Fincantieri di avere visibilità per i prossimi anni in termini di lavoro assicurato per tutti i cantieri italiani e di consolidare la propria leadership a livello mondiale. Al 30 giugno il Gruppo aveva in portafoglio 99 navi, diventate 109 con gli ordini acquisiti nel mese di luglio
  • Ordini e accordi commerciali nel settore Shipbuilding per un totale di 9 navi da crociera (incluse le opzioni) firmati nei primi sei mesi dell’anno
  • Nel mese di luglio, nel settore Shipbuilding, acquisito un nuovo importante cliente, Tui Cruises, con due navi di nuova concezione con propulsione a LNG; convertita in ordine l’opzione per due navi da crociera da parte di Norwegian Cruise Line; firmato un Memorandum of Agreement con Princess Cruises, brand del gruppo Carnival Corporation & plc, per la costruzione di 2 navi da crociera di prossima generazione da 175.000 tonnellate di stazza lorda, che saranno le più grandi finora realizzate in Italia; confermato l’ordineper una unità da crociera destinata allo storico brand di lusso Cunard del gruppo Carnival Corporation & plc; acquisito, tramite la controllata Marinette Marine Corporation (in un consorzio guidato da Lockheed Martin), un ordine dal governo statunitense per l’avvio della progettazione di dettaglio e la pianificazione per la costruzione di quattro unitàMulti-Mission Surface Combatants (MMSC) destinate all’Arabia Saudita. Inoltre, Viking ha commissionato a VARD due nuove expedition vessel, settore di mercato in promettente crescita
  • Consegnate nel settore Shipbuilding sei unità nel primo semestre, di cui quattro da crociera (”Carnival Horizon”, “Seabourn Ovation”, “MSC Seaview”, “Viking Orion”) e due militari (la settima  unità del programma “FREMM” e la nave oceanografica “Kronprins Haakon” per l’Institute of Marine Research norvegese)
  • Firmato con lo Stato francese l’accordo di compravendita per l’acquisizione del 50% del capitale di STX France. Il closing dell’operazione è soggetto alle condizioni previste per questo tipo di operazioni, tra cui l’approvazione delle autorità Antitrust competenti. Al closing dell’operazione verranno altresì firmati i patti parasociali tra gli azionisti ed il contratto di prestito a Fincantieri dell’1% del capitale azionario di STX France, i cui termini sono già stati concordati tra le parti. L’accordo con STX France fa parte di un più ampio progetto di collaborazione tra Italia e Francia nell’ambito della cantieristica europea.