Published On: ven, Apr 13th, 2018

Frana a Casarza sulla IML Spa di Bargonasco, con 70 dipendenti

A Casarza ligure all’alba si è staccato un fronte franoso di 50 metri, dai versanti collinari di Massasco e Bargone sopra la zona industriale della frazione di Bargonasco. Nella valle si trovano diverse aziende. Un capannone della IML SpA è stato colpito dalla frana. Per fortuna a quell’ora era deserto e non ci sono stati feriti. Qui il video dei Vigili del Fuoco.
Il sindaco Giovanni Stagnaro ha decretato lo sgombero di tutta l’area, anche perché altri smottamenti potrebbero avvenire. La Regione Liguria è stata coinvolta, anche perché la IML del Farina Group occupa 64 persone e in quell’area è sorta la prima industria del Tigullio, un impianto idroelettrico creato dall’imprenditore camoglino Gardella (la cui famiglia ha ancora attività e case in zona), al quale la vicina  Sestri Levante deve anche la realizzazione della FIT (Fabbrica Italiana Tubi), e i Cantieri Navali di Riva Trigoso, aperti a inizio ‘900 da Erasmo Piaggio.
Il capannone si trova proprio in un “cul de sac” ideale per l’energia idroelettrica, ma a rischio frane proprio perché situato allo sbocco di una stretta valle.
Ci auguriamo che l’attività venga riaperta al più presto, e confidiamo che gli Enti sapranno provvedere a salvaguardare l’economia industriale di un Comune che è molto dinamico e quindi con maggiori possibilità di lavoro rispetto ad altri più turisticizzati.