Published On: Mar, Dic 18th, 2018

Genitori che danno il buon esempio, a Dodge city

“In una scuola elementare di Gela (Caltanissetta) la recita natalizia è finita in una scazzottata tipo saloon di Dodge City. È successo che un paio di genitori si sono contesi la titolarità di un posto in prima fila, e siccome non sono riusciti a venire a capo della questione, allora hanno deciso di risolverla a forza di pugni… Poi un altro genitore è intervenuto in soccorso del primo, un altro di quell’altro, e nel giro di venti secondi un bel mucchio di padri e madri se le stavano suonando come portuali, fra lanci di sedie e banchi rovesciati. Finché è arrivata la polizia e la recita è stata sospesa.”

Del resto chissà quante Recite natalizie avvengono in scuole che sono lo specchio del marciume del Paese, tra insegnanti culturalmente debilitati, riscaldamento inesistente, leggi 626 trasgredite dallo Stato. Sono molti, temo, i genitori che arrivano digrignanti al giorno della recita, armati -non già di Colt 45- ma di assai più mortifere telecamerine e macchine fotografiche con teleobiettivi di tre metri. Il papà più sfigato sfoggia nella fondina un iPhone 4000…

I PATER MONSTER
della recita si salutano sorridendo, mentre a spallate le mogli rubano la postazione migliore. Famigliole dal volto di pecora covano l’ira funesta di un crotalo intanto che si arrampicano sui banchi, scivolano furtivamente sotto la cattedra, incitano i piccini a farglielo vedere chi è il migliore. Perché, se non ci pensa la scuola, ai nostri figli glielo dobbiamo insegnare noi come si sta al mondo.
(Testo di Mattia Feltri, La Stampa, con aggiunte e variazioni di Paolo della Sala)