Published On: Mer, Mar 27th, 2013

Germania anno zero: xenofoba, antisemita, per la dittatura

Qualche giorno fa è uscita sulla stampa tedesca una serie di articoli nei quali si dipingevano Italia e Spagna come nazioni in cui le famiglie erano più ricche di quelle della Germania, in quanto noi siamo quasi tutti proprietari di case, ville etc.
La cosa è passata in cavalleria rusticana tra i nostri media, con un tentativo penoso/pietoso di autorassicurarci: -Dai, non siamo poi così a pezzi, se i tedeschi ci invidiano…”
Poi ho letto un commento su internet, che mi ha dato da pensare. Eccolo, esiziale quanto micidiale:
Hanno cominciato così anche con gli ebrei…

Certamente si deve fare molta attenzione quando si affrontano questi argomenti, se si vuole evitare di essere tutti prevenuti e pieni di luoghi comuni (i “tedeschi”, gli “italiani”…).
Certamente però questo studio, dal quale risulta che il 64% di tedeschi hanno prevenzioni nei confronti degli stranieri è imbarazzante per l’Europa della Shoah e degli orrori di Hitler, Stalin, Mussolini e Pétain (Senza dimenticare gli Estatudos de limpieza del sangre della regina Isabella la Cattolica, in seguito ai quali tutti gli ebrei spagnoli abbandonarono il paese. Ma hitler è roba di soli 70 anni fa…
Inoltre: Per il 28,4% degli intervistati, una dittatura sarebbe accettabile in caso di circostanze particolari; e per il 33,2% sarebbe accettabile un “Führer che governi con mano forte per il bene di tutti“. Altri dati qui.

Di sicuro la Germania ha una caratteristica, che tira dritto fino alla fine. Nessun problema quando azzecca la direzione e l’economia va bene. Ma quando la direzione è sbagliata, allora sono gli altri europei a dover di corsa invertire la rotta. Tutto è iniziato con Shroeder, che ha cominciato a flirtare con Gazprom e la Russia (all’indomani della fine del suo governo, fu “assunto” come consulente dalla Gazprom con la quale aveva avviato il gasdotto North Stream che tagliava fuori la Polonia… oops: ricorsi storici?).
Ma forse questa deriva verso la Russia e il suo modello (vizio assurdo di derivazione napoleonica e hitleriana: dittatori in forma e nazionalità diversa) è ricominciata già all’indomani della Caduta del Muro, con la Reconquista economica dei Sudeti e della vecchia sfera di influenza tedesca, nell’Europa dell’est. Ma quando la Germania va a est, sono guai a Ovest… Appunto.
hitler

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>