Published On: Mer, Gen 24th, 2018

Giornata della Memoria: la si celebri pensando a Turchia, Cina e Israele oggi

Meritoriamente in tutta Italia si celebra la Giornata della Memoria. Per noi ogni Memoria deve però essere attualizzata, per evitare formalismi e il ripetersi degli orrori della Storia.
Per esempio, ci si dovrebbe porre domande su temi come questo, e discuterne con i più giovani, oggi spesso vampirizzati da pensieri esterni e veicolati dai social media:

TURCHIA, CINA, ISRAELE
Ma la Turchia può invadere un’altra nazione senza che nessuno, all’Onu, in UE, all’Unesco dica nemmeno “Ah” o “Bah”?
La Cina può “occupare” da più di mezzo secolo il Tibet, senza che nessuno boicotti le università e i prodotti cinesi?
Dov’è l’imparzialità nelle relazioni internazionali e culturali? C’è sempre un dreyfusismo contro Israele, oppure c’è qualcosa di peggio, come mostra il nazismo diffuso nell’ultradestra europea, ma anche l’ostilità preconcetta e non imparziale contro Israele, diffusa tra quasi tutti i “progressisti e democratici”, e che si spinge fino al boicottaggio di università e prodotti di quella nazione, nell’Europa della Shoah?
Dov’è la democrazia in questo scivolamento?

Meritoriamente, il Comune di Sestri Levante celebra molto ampiamente il 27 gennaio, giorno dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, un giorno di grande significato che ricorda le vittime dell’Olocausto designato in Italia dalla Legge 21/2000 e dalla Risoluzione ONU 60/7 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1 novembre 2005.
Il tavolo di lavoro coordinato dall’Amministrazione Comunale, gestito dall’Assessore Lucia Pinasco e dalla Consigliera Mara Foresta in collaborazione con la sezione locale dell’ANPI e le scuole sestresi, ha organizzato una serie di appuntamenti per non dimenticare uno dei momenti più bui della storia dell’umanità, di cui l’Italia si è resa complice.
–    Il primo appuntamento è fissato per questo pomeriggio, alle 17, presso la sala polivalente della Biblioteca del Mare di Riva Trigoso, dove si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica “Per non dimenticare” di Romano Ferradini e la lettura delle testimonianze di una famiglia internata nel Campo 52 a Calvari, con la partecipazione di Giorgio Getto Viarengo.
–     Si prosegue venerdì 26 gennaio, alle 10.45 presso l’Istituto Natta – De Ambrosis: “Dedicato ad Anna Frank”, cenni biografici e letture dal “Diario di Anna Frank” a cura degli studenti, a cui seguirà la visione del filmato “La breve vita di Anna Frank”. A conclusione della mattinata riflessioni degli studenti sul tema “Anna Frank …non lasciamola in mano all’ignoranza”.
–      Sabato 27 gennaio alle 17.30 in sala Bo (palazzo Fascie), “Quanto dista Auschwitz dal Tigullio?” – Cronache e testimonianze per il Giorno della Memoria, a cura di Giorgio Getto Viarengo.
–      Giovedì 1 febbraio, i ragazzi delle classi terze della Scuola Media Descalzo metteranno in scena lo spettacolo ideato da Laura Dalfino “Che razza di mondo”: sono previsti due spettacoli nella mattinata così da coinvolgere tutti i ragazzi della scuola media e le classi quinti della scuola primaria.
–      Chiude le celebrazioni dedicate alla Giornata della Memoria, venerdì 2 febbraio, alle 10 in sala Bo, “Buckenwald. Una storia da scoprire – Incontro con Gilberto Salmoni”. Salmoni (presidente della sezione di Genova dell’ANED ), uno degli ormai pochi italiani sopravvissuti ai lager nazisti, incontrerà un gruppo di studenti di Sestri Levante per portare la sua testimonianza di giovane deportato. Nella convinzione che i tragici avvenimenti della seconda guerra mondiale siano stati il frutto dell’incapacità di comprendere quello che si stava preparando, per Salmoni è importante invitare tutti a ricordare e interessarsi sempre a ciò che accade nel mondo. L’incontro è aperto alla cittadinanza.