Published On: Mar, Mar 19th, 2019

Giornata della memoria per le vittime innocenti delle mafie. Il 21 marzo per la Liguria sarà celebrata a Sestri Levante

“Orizzonti di giustizia sociale”: questo il tema che accompagnerà la XXIV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata in tutta Italia dalla rete di Libera e da Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai – Responsabilità Sociale e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica: un appuntamento che da oltre vent’anni ci vede impegnati nel ricordare, ogni 21 di marzo, tutte le vittime della violenza mafiosa, rinnovando nel loro nome il nostro impegno contro le mafie e la corruzione.

Un appuntamento che di recente è stato istituzionalizzato: il 1° marzo 2017 infatti, con voto unanime alla Camera dei Deputati, è stata approvata la proposta di legge che istituisce e riconosce il 21 marzo quale “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”.

La piazza principale sarà Padova ma in Liguria la piazza centrale sarà Sestri Levante dove, al termine di una marcia per le vie cittadine che partirà alle 10:00 da Piazza della Repubblica, ci ritroveremo alle 11:00 in Piazza Matteotti per la lettura dei nomi.

Mattina:
Ore 10,00 Ritrovo in Piazza della Repubblica
Ore 10,20 partenza corteo con marcia per le vie della città
Ore 11,00 Piazza Matteotti, lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie con il coinvolgimento di istituzioni, cittadini, associazioni e studenti
Ore 12:30 chiusura manifestazione mattutina

Pomeriggio:
ore 15:00-17:00 Sestri Levante, ex Convento Annunziata
evento in collaborazione con il CRU – Consiglio Regionale Unipol

Accanto all’appuntamento di Sestri Levante 7 piazze, più di 100 scuole, 120 tra circoli, sedi associative e sindacali, 47 esercizi commerciali, complessivamente oltre 280 “luoghi di memoria” in Liguria che alle 11:00 del 21 marzo, in contemporanea con il resto d’Italia, si fermeranno per un momento di ricordo.

La Giornata regionale è patrocinata dal Comune di Sestri Levante, da Regione Liguria e dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria, con il sostegno di Mediaterraneo.

La scelta della città di Sestri Levante discende dalla volontà di contribuire ad alimentare nuova attenzione sulle dinamiche di infiltrazione e radicamento criminale che hanno interessato varie zone della Regione e che, negli ultimi anni, hanno visto il Tigullio al centro di importanti operazioni della Magistratura. Non va dimenticato, infatti, che l’unico comune del Nord Italia attualmente sciolto per infiltrazioni mafiose è proprio il comune di Lavagna, con cui Sestri Levante confina. Una memoria, quelle delle vittime innocenti delle mafie, che si fa impegno nello sforzo di approfondire, conoscere meglio le situazioni problematiche, senza dimenticare di valorizzare le positività che, anche nel Tigullio, esistono e meritano di essere raccontate. Su tutte, la vivacità del tessuto associativo che ha contribuito a tenere alta l’attenzione nel corso degli anni

A rendere il Tigullio protagonista dell’impegno non solo la manifestazione mattutina, ma un pomeriggio dedicato a seminari di approfondimento che coinvolgeranno, oltre a Sestri Levante, la città di Lavagna, grazie alla collaborazione con il CRU Unipol e con l’Istituto Comprensivo di Lavagna».