Published On: Sab, Ago 20th, 2016

Grande Rientro nelle autostrade liguri, con Genova sempre priva di tangenziale (la mitologica Gronda)

Siamo di fronte a due giorni di sofferenza autostradale acuta, col rischio onnipresente di ritrovarsi nella situazione del bel film Ingorgo di Comencini. Scatta infatti il Grande Rientro dalle vacanze (ma in Liguria gli italiani saranno sostituiti dai turisti stranieri, che non amano gli ingorghi e la massa.

Ferma restando l’eccellente stagione, per presenze turistiche e clima, dovuta anche alle serie tragedie che colpiscono tutto il sud del Mediterraneo e molte mete esotiche, la Liguria deve scontare una rete di comunicazione ancora Novecentesca (con la Autostrada di Serravalle, che è la vecchia camionale costruita dal Fascio 80 anni fa). Niente Grande Raccordo Anulare romano. Niente tangenziale milanese. Niente tangenziale bolognese. Solo la mitologica Gronda e un’autostrada urbana che sembra via Pre’, quanto a densità, velocità e larghezza…
Vince il populismo contro il “popolo”. La Liguria resta tra le regioni più arretrate, in tema di trasporti e di cultura politico-sociale.

Il caos si prolungherà verso il mare, visto che Genova resta comunque il quarto porto crociere d’Italia e l’ottavo porto traghetti (vedi il nostro articolo su Tigullio News). Sbarcheranno infatti i turisti liguri, piemontesi e lombardi che si sono recati in Sardegna e Corsica (e che non utilizzano il porto di Livorno o quello di La Spezia).
L’aeroporto non dovrebbe essere da bollino rosso, per i suoi problemi cronici su cui Tigullio News cronacheggia da tempo.

Secondo Autostrade per l’Italia il rientro comincerà dal pomeriggio di sabato 20 agosto sulla A10 e sulla A12 in entrambi i sensi di marcia.
Comencini ingorgo2

Dal film L'Ingorgo, di Comencini

Dal film L’Ingorgo, di Comencini

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>