Published On: Lun, Nov 4th, 2013

Grande teatro a Cicagna con Pirandello

Grande teatro a Cicagna con uno dei massimi autori italiani, Pirandello. Questa sera si recita a soggetto ripropone uno dei temi portanti della letteratura e della drammaturgia del ‘900, quello del Teatro nel teatro, o della finzione nella finzione (si pensi agli esiti avuti in Fellini nel suo film 8 1/2).

Ecco quindi un classico del repertorio del teatro italiano, portato in scena dalla Compagnia Biancospino Teatro: Questa sera si recita a soggetto di Luigi Pirandello con la regia di Sarah Biacchi, in scena sabato 8 novembre alle ore 21.

Commedia scritta da Pirandello nel 1930, fa parte, con Sei personaggi in cerca d’autore e Ciascuno a suo modo, della trilogia del “teatro nel teatro”.

Trama
Una compagnia di attori, diretta dal capocomico Hinkfuss, deve rappresentare una novella dello stesso Pirandello che il capocomico ha reinterpretato trasformandola in un suo lavoro.

Gli attori devono recitare a soggetto (cioè non imparando a memoria il copione fornito dal capocomico, ma creando loro le battute) ma quando non sono d’accordo, per protestare contro questo metodo, sbagliano volutamente e inventano scene non suggerite dal capocomico. Ciò non compromette per nulla la pièce che ottiene successo.

L’opera rappresentata è imperniata sul dramma della gelosia, è ambientata in un paesino della Sicilia ed è tratta dalla novella “Leonora, addio”.

Protagonisti sono l’ingegnere minerario Palmiro La Croce soprannominato “Sampognetta”, la moglie signora Ignazia, oriunda di Napoli, soprannominata la “Generala” e le quattro belle figlie: Mommina, Dorina, Totina, Nenè

La famiglia non è siciliana ma vive in un arretrato paese della Sicilia e non gode le simpatie dei paesani che criticano il comportamento della madre e delle figlie, considerato da loro poco serio e prendono in giro il marito, ritenuto troppo ingenuo e permissivo nei confronti delle figlie. Le ragazze sono corteggiate da quattro giovani ufficiali che frequentano, con grande scandalo della gente del luogo, la loro casa.

Durante la recita l’opera è ripetutamente interrotta da battibecchi tra gli attori e il capocomico che verrà addirittura buttato fuori. Ma, alla fine, il dottor Hinkfuss torna in palcoscenico complimentandosi con gli attori che, anche in sua assenza, hanno saputo recitare a soggetto secondo le istruzioni che egli aveva impartito.

Sarah Biacchi mette in scena una riduzione del dramma inserendo, nel monologo iniziale del dottor Hinkfuss, una scena tratta da Sei personaggi in cerca d’autore. La popolarissima pièce incarna con efficacia il meccanismo di gioco che si crea in un gruppo di attori in scena, se ben diretti ed evidenzia la contrapposizione tra i ruoli dell’attore/attrice e del personaggio, ovviamente interpretati, durante lo svolgersi dell’opera, dallo stesso attore/attrice, che a volte è attore/attrice e a volte personaggio, con cambi repentini, talvolta nel breve spazio di una battuta.

 Con Giada Alfano, Giancarlo Cibelli, Giorgio De Luca di Pietralata, Ernesto Garibotto, Cinzia Ivaldi, Matteo Maiore, Mirella Maselli, Maria Mineo, Stefania Pierini, Silvia Ponzo, Lorenza Porretto, Samantha Sceresini, Daniela Tarantola, Emanuele Vito

 Prezzi biglietti intero € 10,00 –  ridotto €  8,00

 

Domenica 10 novembre 2012 ore 16.00 per i più piccoli                            

Ecco al Teatro di Cicagna  il secondo appuntamento per i più piccoli domenica 10 novembre ore 16, con lo spettacolo allestito da Massimo Ivaldo & Compagnia Bella Spettacoli Teatrali Genova,  dal titolo La Strega nella Zuppa di e con Massimo Ivaldo e Marisa Varosio.

La Strega nella Zuppa narra la storia di Bernardo , figlio unico, un bambino che gioca da solo.

Anzi, proprio solo no, con un cucchiaio di legno che gli fa da compagnia, da difesa e da alter ego. Ma che è anche il suo “cavallo” per “cavalcare” grandi avventure, il “cannocchiale per guardare oltre il parco, il remo per fuggire alle Grandi Cascate, la spada o un paio di baffoni quando Bernardo teme di incontrare la Strega nel Parco. Questa paura, in realtà, gliel’ha indotta la mamma, che lo invita a stare in casa e a non: sudare, allontanarsi troppo, correre forte, andare nelle pozzanghere, parlare con gli sconosciuti, quelli grassi, quelli magri, troppo scuri o troppo bassi. La mamma vorrebbe persino che Bernardo lasciasse a casa il suo “cucchiaio”…

Incontrerà Seconda, si rivelerà a Bernardo per quella che è: una donna anziana, rimasta vedova da tempo, un po’ orba, che cucina la sua Zuppa di Cavolo, ha un gatto come unico amico ma nel cuore una allegria “adombrata” che l’incontro insperato col bambino, in mezzo a tanta solitudine, pare risvegliare.

Una donna anziana che vorrebbe diventare un’ombra e che rivelerà la sua bellezza interiore, diventando amica di Bernardo grazie ai Giochi di… ancora una volta

Lo spettacolo tenta di aprire qualche domanda, semplice ma quanto mai attuale e vicina alla vita dei bambini nel loro rapporto col mondo e gli adulti.

Come insegnare ai più piccoli ad avvicinarsi alle persone sconosciute, evitando che il pregiudizio verso l’altro generi diffidenza e chiusura sociale moltiplicando la paure per chi è diverso da noi? Quando l’incoscienza può creare pericoli per se stessi? Una “strega” può essere anche buona? Le “magie” non sono anche azioni invisibili ai nostri occhi ma riconosciute dal nostro cuore?

Lo spettacolo è soprattutto una storia di pregiudizi da superare e di un amicizia che non si preoccupa della differenze di età: i due protagonisti contageranno le loro ricchezze interiori proprio grazie alla voglia di conoscersi a poco a poco, giocando per puro divertimento e accontentandosi di ciò che hanno.

Massimo Ivaldo, autore del testo, ha compiuto nel Teatro Ragazzi 600 repliche in tutta Italia e nel 2002 è stato finalista al Premio Stregagatto al Teatro Valle di Roma con lo spettacolo A pancia in su.

Dal 1999 è Clown Dottore presso l’Ospedale Giannina Gaslini per la Fondazione Theodora onlus.

E’ autore del Libro Laboratorio Scolastico “I Giochi di ancora una volta!” con il materiale riciclato.

con Massimo Ivaldo e Marisa Varosio

Prezzi biglietti Intero (adulto) € 7,00 Ridotto (bambino) € 5,00

Orario biglietteria

La biglietteria del Teatro di Cicagna è aperta il mercoledì dalle ore 16,30 alle 18,30 (con diritto di prevendita) e nei giorni di spettacolo dalle ore 19.00 nei giorni feriali e dalle ore 14.30 nei giorni festivi.

Diritto di prevendita € 1,00

 Prevendita

Gattorna – Beauty Center Profumeria –  Via del Commercio 36 E/D Tel 0185 934826

Chiavari – Sol Diesis Strumenti musicali- Piazza Fenice 6 Tel 0185 312259 

Cicagna  Bar G’ho a gôa secca

Diritto di prevendita € 1,00

 Online su www.happyticket.it

Il Teatro di Cicagna  rinnova anche per questa stagione il graditissimo APERITEATRO l’aperitivo informale offerto nel foyer del teatro a tutti gli spettatori del sabato sera, a partire dalle ore 20.00.

Teatro Questa Sera Si Recita A Soggetto_1

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>