Published On: Mer, Gen 8th, 2014

I dipendenti della G&G Plastica incrociano le braccia

g&g casarza ligureCASARZA LIGURE. Un’azienda modello, che vantava commesse da prestigiose multinazionali e cantieri navali di tutto il mondo; una piccola realtà che sembrava non conoscere crisi. Prima il cambio di ragione sociale; poi un primo sciopero a marzo 2013, quando gli operai denunciarono di non aver percepito stipendi nè tredicesima già prima di Natale. Ora i dipendenti della “G&G Plastica” di Casarza Ligure sono nuovamente in sciopero, a causa di questa difficile e compromessa situazione aziendale. Il perpetuarsi di questo momento di impasse ha causato un notevole ritardo nella corresponsione degli stipendi, ben 5 mesi; la situazione appare incerta negli sviluppi, tanto da aver portato i lavoratori, circa una ventina, nuovmente allo stato di agitazione.

federico obertelloIl primo messaggio i solidarietà agli operai è arrivato da Federico Obertello, candidato alle primarie del centrosinistra che si svolgeranno a casarza Ligure il 19 gennaio. “Sento il dovere di esprimere vicinanza e solidarietà ai lavori in sciopero dell’azienda, coinvolti proprio in questo momento di generale crisi in una situazione di difficoltà gestionale che si ripercuote pesantemente su di loro e sulle loro famiglie – spiega Obertello -. Non è tollerabile che decine di lavoratori rimangano privi del loro giusto salario che è, per molti di loro, l’unica fonte di sostentamento. È urgente trovare delle soluzioni concrete ed auspico che, di concerto con le organizzazioni sindacali, l’Amministrazione comunale e quelle degli Enti superiori si attivino da subito e riescano a porre in essere delle misure rapide ed efficaci intervenendo con la proprietà – aggiunge Obertello – al fine di salvaguardare i posti di lavoro ed ottenere il riconoscimento delle connesse e dovute retribuzioni”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>