Published On: Mer, Feb 4th, 2015

I rifiuti indifferenziati di Sestri Levante andranno a Vezzano (SP)

Mentre Sestri Levante sta riorganizzando in questi mesi le attività legate al ciclo dei rifiuti, con l’avvio di un nuovo servizio di raccolta differenziata e la chiusura della discarica comunale di Ca’ da Matta, è stato individuata una nuova discarica dove conferire i rifiuti che non sono differenziabili.
Infatti, dopo l’infausta chiusura della discarica di Scarpino, e la riduzione di quella di Rio Marsiglia a un utilizzo solo da parte dei Comuni fondatori, la spazzatura indifferenziata o secca di Sestri (dopo un trattamento di separazione dalla parte umida) veniva trasportata su camion a 4 assi fino alla discarica di Boscaccio a Vado Ligure.

Adesso dalla discarica di Boscaccio a Vado Ligure si passerà a quella di Saliceti a Vezzano ligure (La Spezia), che l’indubbio merito di essere molto più vicina e quindi di ridurre di molto i costi ambientali ed economici del trasporto rifiuti, scandalo tutto italiano di festival dello spreco.

Abbiamo chiesto a Stefano Valle -manager di Docks Lanterna (gestore del Porta a porta a Sestri Levante)- se ciò porterà a un maggior risparmio. La risposta è dubitativa, per un’azienda che aveva firmato pochi mesi fa un appalto che prevedeva il trasporto rifiuti fino alla discarica comunale, distante 4 km. dal centro città. In seguito alla chiusura della discarica Ca’ da Matta, Docks Lanterna ha trasportato i rifiuti a Scarpino, discarica poi chiusa per diversi motivi, con mazzata finale dovuta alle alluvioni di Genova e del Tigullio.
Dopo la chiusura di Scarpino i rifiuti indifferenziati di Sestri sono andati a Vado Ligure (102 km. da Sestri Levante).
Una clausola dell’appalto però NON prevedeva un aumento del canone da pagare da parte del Comune, nel caso di spostamento della discarica entro un raggio di 150 km. Ne deriva un indubbio aumento dei costi per l’azienda, la quale però adesso potrà utilizzare la discarica di Vezzano ligure, che dista solo 53 km. da Sestri Levante.
In sostanza, ipotizzando l’utilizzo di un camion 4 assi al giorno, si ottengono 74460 km percorsi all’anno (a/r) fino a Vado, mentre fino a Vezzano si arriva “solo” fino a 38690 km. Ca’ da Matta ne richiedeva 3650 all’anno.
Un bel salto di costi. Inoltre si tratta di capire se la percentuale di rifiuti indifferenziati da conferire in discarica sarà ora superiore o inferiore al circa 60% che dopo il pretrattamento andava a Vado ligure, dopo l’imminente avvio della raccolta porta a porta, che non prevede pretrattamento di separazione…

Negli ultimi giorni si sono conclusi gli incontri pubblici in città per illustrare le modalità del nuovo servizio: 21 incontri su tutto il territorio comunale, migliaia di cittadini incontrati. Un’esperienza che l’Amministrazione giudica importante per “partecipazione e condivisione, per preparare al meglio l’avvio del servizio, previsto per il 16 febbraio. E’ una scelta che si propone in coerenza con l’avvio del nuovo sistema di raccolta differenziata, che consentirà di ridurre la quantità e la qualità di rifiuto indifferenziato prodotto, e quindi di limitare i conferimenti in discarica“.
E’ comunque probabile che nel prossimo futuro ci sarà meno strada verso la discarica ma più secco.
In ogni caso il metodo applicato da Amministrazione e Docks Lanterna rispetto ai timori e alle esigenze della popolazione ha finora prodotto risultati positivi, anche grazie all’utilizzo dei cassonetti condominiali. La verifica andrà fatta sulle case e zone prive di cortili interni, sperando ovviamente che tutto funzioni al meglio.
In bocca al lupo a chi gestirà i servizi e alla città.
sestri vezzano ligure

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>