Published On: Sab, Ago 2nd, 2014

I tunnel di Rapallo si infilano in un vicolo cieco

Il Tigullio Occidentale ha un problema non da poco: le infrastrutture, la viabilità, il traffico. Lo si chiami come si vuole, ma il problema è reale soprattutto a Rapallo, dove l’inquinamento da benzene e altri composti aromatici da idrocarburi ha imposto un provvedimento draconiano al neo sindaco Bagnasco: il divieto di transito alle auto vige dalle ore 7 fino alle 19 in tutti i giorni feriali da lunedì al venerdì.
Il blocco riguarda i veicoli della categoria M1 destinati al trasporto di persone aventi al massimo nove posti, i veicoli della categoria N1 per il trasporto merci con omologazioni precedenti all’Euro 2 e ciclomotori e le moto non conformi alla normativa Euro 2. Si tratta di una scelta forse efficace ma che certo rischia di impattare su una città che può contare sulla ferrovia, ma anche sulla Atp Tigullio, certo non pari alle società di trasporto di Parigi o Londra…

Seconda tragedia: la mancanza infinita del tunnel tra Rapallo e Santa Margherita. E’ un’opera necessaria. Da tempo abbiamo chiesto di avere coraggio e di procedere con celerità. Chissà se il tunnel Rapallo-Santa Margherita farà la fine dell’infame Gronda di ponente a Genova, che in 40 anni ha prodotto almeno un miliardo di danni tra costi vivi e inutili, progetti inutili, e mancata erogazione di un servizio fondamentale per l’economia, il traffico, l’ambiente (inconcepibile una città portuale SENZA infrastrutture). Colpa della dittatura delle minoranze e della burocrazia.

Terza tragedia infrastrutturale: il tunnel Rapallo-Fontanabuona. In questo caso siamo completamente d’accordo con ProGetto Tigullio: è un’opera costosa, e un’opera costosa, per essere realizzata nel tempo delle mele (marce) in cui viviamo deve rendere ed essere strutturale. Il tunnel Rapallo-Fontanabuona non lo è, mentre la Gronda di Levante – tra Genova e  Casarza ligure- libererebbe il Tigullio dal traffico autostradale di camion e Tir, e servirebbe tutto l’entroterra (con largo uso di tunnel, si eviterebbe l’impatto ambientale).

Ci vuole coraggio, visione. Non servono dei Prìncipi Valium nelle politiche infrastrutturali, e non serve la Morte Nera formata da pseudo ambientalisti e burocrati.

Rapallo traffico, metrò Rapallo-Portofino

gronda del levante

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. alberto ha detto:

    Finalmente leggo considerazioni realistiche , meditate e proposte valide e fattibili

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>