Published On: Ven, Ago 25th, 2017

Il caso del Dominica Madre diventa politico

Dopo gli scontri verbali di Portobello, Sestri Levante si conferma capitale delle guerre navali, peggio che al tempo di Romani e Cartaginesi o inglesi contro spagnoli… A torto o a ragione, la politica estiva si è trasferita in mare, tra accuse, controaccuse, dimenticanze e attacchi giustificati o meno.
Richiesta di accesso agli atti del consigliere comunale Marco Conti, in merito a diverse notizie e segnalazioni che sarebbero in capo al consigliere comunale Bandini, armatore di un’imbarcazione a vela latina ristrutturata da alcuni mesi e ormeggiata inizialmente su un gavitello di proprietà comunale, con conseguente occupazione di spazi demaniali in mare (il che comporta il coinvolgimento dell’Autorità Marittima di Santa Margherita Ligure, con possibili ricadute giudiziarie). Oltre a questo problema, vi è la mancata comunicazione di inizio attività di noleggio occasionale.

Infatti la capitaneria non avrebbe ricevuto la comunicazione obbligatoria dell’attività di noleggio per inserirla nei registri di iscrizione e sulla licenza di navigazione.

Serve infatti comunicazione scritta all’Autorità marittima del porto di riferimento e all’Agenzia delle Entrate (articolo 49 bis del decreto 175 del 2005)“.
“Si tratta -come conferma il comandante Colella a Tigullio News- di noleggio occasionale, che è molto semplificato rispetto al charter, ma che prevede un limite di 42 giorni all’anno di noleggio per le barche private non destinate principalmente a un’attività commerciale”.
Il noleggio occasionale prevede una tassazione forfettaria del 20% al di sotto delle 42 giornate, e superiore oltre quel limite.
La vicenda successivamente ha visto il posizionamento della barca (Dominica Madre) in un gavitello privato, ma anche un contenzioso col consorzio Servizio Marittimo del Tigullio riguardo a presunti interessi dell’armatore per un attracco nel pontile Margherita dove arrivano i traghetti. Il che poneva in conflitto interessi contrapposti e ha dato adito a possibili ricorsi alla Magistratura.
Le opposizioni chiedono alla maggioranza di riferire in merito alla vicenda e di avere pieno accesso agli atti.
Riferiremo prossimamente gli aggiornamenti sul contenzioso tra l’Ufficio Marittimo portuale di Sestri Levante (la pratica è delegata a Santa Margherita) e la confinante Piscina dei Castelli.