Published On: Mar, Nov 19th, 2013

Il Consiglio di Stato blocca di nuovo la caccia in Liguria

Il Consiglio di Stato, dopo il ricorso degli ambientalisti, ha sospeso la caccia in Liguria, annullando la decisione del Tar, che aveva riaperto la caccia accogliendo le modifiche applicate dal Consiglio regionale ligure. Sono stati tre i procedimenti presso la Magistratura e il Consiglio di Stato avviati quest’anno dalle associazioni anti-venatorie. Al di là della scelta pro o contro la caccia al cinghiale, si deve dire che il diritto in Italia non ha più alcuna connessione con la realtà. In questi casi si dovrebbe fare e ammettere un solo procedimento giudiziario, e poi accettare la decisione dei giudici, quale questa sia stata, senza altri ricorsi e contro ricorsi che impegnano politica e magistratura oltre ogni ragione logica, con perdita di tempo e denaro.

Soddisfazione da parte degli ambientalisti, mentre il consigliere leghista Bruzzone ha abbandonato l’aula in segno di protesta “…È stata presa una decisione senza neanche ascoltare le parti. Il Consiglio di Stato ha sospeso di nuovo l’attività venatoria nella nostra regione, andando a ledere il nostro ruolo. Mi chiedo a questo punto, a cosa serva tenere le elezioni regionali…”
La nuova puntata di questo strazio giudiziario arriverà il 17 dicembre, quando scadrà la sospensiva del Consiglio di Stato.

caccia

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>