Published On: Mar, Gen 8th, 2019

Il governo salva Carige. Giusto, ma allora Renzi aveva ragione? Il capitalismo spiegato ai poveri

Il governo nato in parte contro le banche, cioé contro una struttura fondamentale per l’economia e i capitali, ha salvato la CARIGE, una delle banche liguri eredi di un passato glorioso (la San Giorgio, il Banco Chiavari, senza dimenticare il nome e le origini di Amadeo Giannini, fondatore della Bank of America, originario di Favale di Malvaro nel Tigullio). Nonostante in Italia le banche siano state in buona parte un grimaldello della politica e del potere, la loro funzione per finanziare chi ne ha bisogno, aziende e famiglie resta sacrosanta, alla faccia di chi pretende di sostituire l’economia con culti o riti magici preistorici.
Il decreto del Governo concede all’istituto genovese la garanzia su nuovo obbligazioni, e apre alla possibilità di una ricapitalizzazione pubblica, che magari sarà pure in salsa peronista, statalista, e venezuelana, ma che comunque salva lavoratori e risparmiatori.

Matteo Renzi, macellato per anni con Maria Elena Boschi sull’Altare della Patria (partitica), oggi twitta come un passero a primavera: “Bene sul caso Carige. Ma Di Maio e Salvini devono vergognarsi. Il Pd all’attacco dei leader della maggioranza gialloverde. Perché “sono bastati dieci minuti di una riunione notturna del Consiglio dei ministri per smentire cinque anni di insulti e menzogne contro di noi. Matteo Salvini e Luigi Di Maio devono solo vergognarsi“.

Per Carige arriva quindi denaro fresco garantito dallo Stato, con nuovo debito o finanziamenti (speriamo non a “babbo morto”) offerti da Banca d’Italia.
I problemi italiani restano:
Da noi si fanno opinioni e non studi rigorosi.
Da noi si fa del cattivo capitalismo statale e partitico; si odiano gli angloamericani che però hanno un capitalismo più democratico e più efficace per i poveri: l’1% dei “ricchi yankees” paga oltre il 90% delle tasse, con cui lo Stato americano gestisce un welfare certo più leggero del nostro, ma basato su a) stipendi degni e non indegni come quelli standard degli italiani non “parte del magna magna”; b) disoccupazione zero.

Perché è solo col lavoro che si sfugge dalla povertà… Dite ai vostri tutelatori: -Abbiate pietà, smettete di tutelarci!-


Certo che i nostri governi fanno a gara a chi più ne combina, come nella migliore tradizione del suicidio economico …Anzi: dell’omicidio di massa dei propri cittadini. I politici (anche Renzi) ricorrono allo strumento nazi-sovietico della ricapitalizzazione pubblica. Capiamo che quando si arriva alla frutta come in Banca Etruria o in banca Carige, c’è ormai poco da fare. La causa risiede in un capitalismo malato di una malintesa applicazione francescana all’economia (che o si basa sul profitto o produce miseria), e quindi sull’incapacità, sul malfunzionamento e sul monopolio contro il libero mercato (che è capitalismo dei cittadini e non dei pochi).
In sintesi: lo Stato italiano (partiti inclusi) acquisterà azioni dell’istituto ligure. Nazionalizza, come Mussolini o come il colonnello dei parà Hugo Chavez o come gli ayatollah iraniani.
Simo fritti? Vabbe’, tanto finché abbiamo il conto in Svizzera e la BMW nel garage…
Il cattivo capitalismo tocca agli altri… Peccato che tra gli altri ci siano anche i nostri lettori. Prendete nota, e cercate di fare qualcosa.