Published On: Lun, Mag 19th, 2014

Il ministro Lupi a Chiavari per le nuove infrastrutture

Il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi sabato 17 maggio, nel corso della sua visita nel Levante ligure iniziata al convegno Ucina di Santa Margherita ligure, ha incontrato a Chiavari gli amministratori ed operatori del Tigullio.
In discussione vi erano il rilancio della nautica e del diportismo nautico; il progetto relativo all’ammodernamento e al potenziamento del casello autostradale di Lavagna e della viabilità di Viale Kasman a Chiavari; la gestione della nuova sede dell’ACLI di Chiavari; il rifacimento del sottopasso ferroviario di Chiavari, luogo degradato e sede di pestaggi e traffici.

L’incontro con le Acli e il sindaco Levaggi ha riguardato l’eventuale acquisto dell’edificio dove si trova la nuova sede, di proprietà di Ferrovie dello Stato. In seguito il Ministro, insieme al Sindaco, al Consigliere Regionale Gino Garibaldi, agli assessori e ai consiglieri comunali intervenuti si è recato a piedi al Porto.

Lungo il percorso il Sindaco Levaggi ha discusso col Ministro dell’importante progetto infrastrutturale del potenziamento ed ammodernamento del casello autostradale di Lavagna, opera considerata prioritaria anche dalla Regione Liguria, per la cui realizzazione sono previsti circa 28/30 milioni di euro, ed ha ricordato che tutti i comuni del bacino dell’Entella hanno approvato un apposito Accordo di Programma. Il nuovo casello sarebbe funzionale al rifacimento e prolungamento del viale Kasman, lungo il fiume Entella, una delle soluzioni prospettate per migliorare la situazione del traffico a Chiavari (ma un tunnel sotto la circonvallazione di Corso Lima non sarebbe meglio, in una città che è priva di collegamenti alternativi all’Aurelia tra est e ovest?).

Al Porto Turistico “Amm. Luigi Gatti” la delegazione ha effettuato un breve sopralluogo alla torretta, poi il Ministro è stato accolto dal saluto delle autorità della Marina Militare. Successivamente si è svolto presso lo Yacht Club un incontro con i rappresentanti delle attività produttive sul progetto “Levante-Distretto della Nautica”.  Presenti al tavolo dei relatori  anche  l’Assessore regionale alla Formazione Pippo Rossetti e il Direttore del Villaggio del Ragazzo Nicola Visconti. Il Comune di Chiavari, con altri comuni del Tigullio, ha partecipato insieme all’Opera Diocesana Madonna dei Bambini “Villaggio del Ragazzo” al Progetto Levante, che riguarda il rilancio della filiera della nautica da diporto e l’economia del mare. Grazie anche alla Regione Liguria è stato vinto il bando, nell’ambito del piano di sviluppo settoriale,  per circa 500.000 euro. Il Sindaco Roberto Levaggi ha sottolineato come la nautica da diporto in Liguria occupi un posto di rilievo ed abbia un ruolo determinante per tutto il Tirreno, ed ha ringraziato le tante imprese private coinvolte che, insieme al Villaggio del Ragazzo, collaboreranno per la riuscita di questo progetto. Marina Chiavari Srl, società al 100% partecipata dal comune, metterà a disposizione dei locali all’interno del porto per lo svolgimento delle attività: come spiegato dal Direttore del Villaggio Visconti, 50 giovani potranno accedere a tre tipologie di corsi  specifici per servizi tecnici, turismo e manutenzione alle imbarcazioni.

Presente a tutti gli incontri il Consigliere regionale Gino Garibaldi (candidato alle elezioni Europee 2014 e rappresentante del Levante del NCD di cui fa parte il ministro Lupi).

ministro Lupi a Chiavari

Il Ministro Lupi a Chiavari

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Mykros ha detto:

    Cosa c’entra la Madonna dei Bambini con il “rilancio della nautica” e per giunta in un momento in cui la nautica è in crisi nera, la società che amplia il porto di Chiavari rischia di fallire, il porto di Lavagna sembra un concessionario di barche usate, i cantieri navali chiudono uno dietro l’altro?
    E poi chissà perchè, bipartisan, queste grandi opere le tirano fuori sempre e solo poco prima delle elezioni.Ne riparliamo dal 26 maggio in poi?

  2. Giuseppe Colombo ha detto:

    Ci sono interventi minori oltre le opere grandiose che andrebbero fatte subito. La stazione di chiavari (in una città e regione con prevalenza di anziani) non dispone di un ascensore. Ci sono le condizioni per fare di meglio: due scale mobili per i due binari.
    Altra cosa non costosa ma urgente una segnaletica preventiva per la svolta in via S.Chiara
    per il collegamento con via Franceschi in una strada stretta a doppio senso di marcia non
    visibile ai non esperti del luogo. Questultma addirittura pare diverrà indispensabile quando sarà chiusa via Castagnole per lavori.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>