Published On: Ven, Mag 2nd, 2014

Il motore che curva lo spazio-tempo (come in Star Treck) tra i progetti avviati dalla NASA

Ne parla il magazine Le Scienze, pubblicando un articolo di Mark Alpert già uscito su Scientific American.
Alla NASA infatti si sta studiando la realizzazione del motore a curvatura dello Spazio-Tempo, che permette alla nave Enterprise di Star Trek di compiere viaggi interstellari a velocità maggiori della luce.

La vera notizia fantascientifica è quindi che un fisico del Johnson Space Center della NASA a Houston stia studiando la possibilità di costruire un vero e proprio motore a curvatura, anche se con un piccolo finanziamento.
Si tratta di Harold “Sonny” White, capo del programma di propulsione avanzata del centro:
Invece di aumentare la velocità della nave, il motore a curvatura altererebbe lo spazio-tempo lungo il suo percorso, permettendo così di eludere le leggi della fisica che impediscono i viaggi più veloci della luce. Una simile nave spaziale potrebbe superare le enormi distanze tra le stelle in poche settimane.”
Interessante l’alto numero di scienziati che sostiene il programma di ricerca con strutture come 100 Year Starship, la Tau Zero Foundation e Icarus Interstellar – “Cercando di gettare le basi per una missione interstellare senza equipaggio che potrebbe essere lanciata entro la fine del secolo. La loro convinzione è cresciuta negli ultimi anni, via via che gli astronomi hanno individuato una serie di pianeti simili alla Terra che orbitano attorno a stelle relativamente vicine al Sole.” Cliccare QUI per leggere l’articolo.

Di seguito la Missione della 100 Year Starship:

the why

When we explore space, we garner the greatest benefits here at home. The challenge of traveling to another star system could generate transformative activities, knowledge, and technologies that would dramatically benefit every nation on Earth in the near term and years to come.

We believe that pursuing an extraordinary tomorrow will build a better world today.

Today, people take very much for granted (but would loath to surrender) the benefits space exploration has provided right here on Earth.

Global positioning satellites (GPS); remote sensing for water, minerals, and crop and land management; weather satellites, arms treaty verifications; high-temperature, light-weight materials; revolutionary medical procedures and equipment; pagers, beepers, and television and internet to remote areas of the world; geographic information systems (GIS) and algorithms used to handle huge, complex data sets; physiologic monitoring and miniaturization; atmospheric and ecological monitoring; and insight into our planet’s geological history and future – the list goes on and on. (SEGUE)

spazio tempo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>