Published On: Ven, Ott 16th, 2015

Il Pd di Chiavari attacca la Giunta sulle scuole primarie

Mauro Ferretti, segretario del PD di Chiavari, critica fortemente le recenti dichiarazioni dell’assessora M.S Mignone (ex docente) sul problema degli Istituti scolastici comprensivi (elementari e medie) di Chiavari.
Ecco il comunicato stampa:

Le recenti dichiarazioni dell’Assessore Mignone in tema di Comprensivi sono risultate, almeno su un punto, assolutamente illuminanti. Leggere, infatti, che l’Amministrazione, ritiene che la questione del dimensionamento “quest’anno non sia della massima urgenza” ha, senza dubbio, consentito a tutti noi di comprendere, finalmente, perché a Chiavari la quotidianità scolastica sia segnata da pesanti tratti di precarietà, direttamente riferibile alla responsabilità di chi ci amministra: mancanza di spazi adeguati per la didattica, gravi carenze in tema di accessibilità e sicurezza dei plessi scolastici.

Estremamente ambigua è, invece, un’altra affermazione dell’Assessore Mignone  a cui toccherebbe l’arduo compito di giustificare l’incuria dell’amministrazione e cioè quella secondo cui i due Istituti Comprensivi si trovano “in una fisiologica fase di assestamento”. Certo, si tratta di istituzioni dalla storia recentissima e in forte evoluzione, ma in quale prospettiva si pone, rispetto ad esse, l’Amministrazione Levaggi? Intende promuovere un assestamento fondato sull’esistenza di due poli scolastici parimenti solidi nei numeri ed efficienti nelle strutture e nelle opportunità didattiche? Se è così, risulta della massima urgenza programmare con rigore tanto in tema di dimensionamento che di  adeguamento delle strutture, senza affidarsi ad interventi-tampone decisi nell’ultima settimana di agosto ed avviati in concomitanza con l’apertura delle scuole.

Se, al contrario, si punta ad un assestamento fondato su un transito continuo di studenti da un Comprensivo all’altro, come è avvenuto negli ultimi due anni, si deve avere il coraggio di chiarire a tutte le famiglie chiavaresi che il nucleo fondante della costituzione degli Istituti Comprensivi – il riconoscimento del valore della continuità didattica, di un modello formativo capace di promuovere in maniera armonica il percorso di crescita dall’infanzia alla prima adolescenza – non è ritenuto dall’Amministrazione Levaggi un principio pedagogico adeguato.

Nel caso in cui, poi, il disegno dell’Assessore Mignone e della Giunta, di cui è parte, fosse ancora diverso – ad esempio quello di pervenire alla cancellazione di uno dei due Comprensivi – si tratterebbe di rendere esplicito quanto perseguito senza attendere che l’esito atteso si imponga nei fatti e, quindi, attraverso una odiosa speculazione sulla pelle di studenti e famiglie.

E’ indubitabile, come afferma l’Assessore Mignone, che il percorso di dimensionamento debba essere partecipato, ma la partecipazione chiede, in primo luogo, una corretta comunicazione, che renda espliciti i fini a cui si tende. Al di là dei richiami formali, questa necessità, purtroppo, la stessa Mignone non l’ha mai colta come testimonia, chiaramente, il rapporto istituito con i Comitati dei genitori in occasione della costituzione del più recente tavolo tecnico.

Una svolta si impone: il futuro dei nostri giovani e, quindi, della nostra città non può più essere affidato ad un profluvio di chiacchiere.
Mauro Ferretti, Pd Chiavari

Ass. Mignone (a destra)

Ass. Mignone (a destra)

 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>