Published On: Ven, Ott 9th, 2015

Il PD di Chiavari sul depuratore

Riportiamo il Comunicato stampa del PD di Chiavari sulla questione del depuratore. note sono però necessarie: 1) l’alternativa al depuratore unico alla foce dell’Entella era già prevista dalla stessa Iren, con due depuratori, uno tra Chiavari e Lavagna e l’altro a Sestri Levante; 2) per le valli Entella e Graveglia le aree individuate e disponibili sono Preli oppure il porto di Lavagna, che ha disponibilità di 4000 mq (in zona rossa, come lo era anche il progetto della “colmatina”, comunque per la sicurezza basta alzare l’argine lungo l’Entella, come già fatto in val Polcevera per IperCoop); 3) le sanzioni comunitarie decadevano con entrambe le solusioni, non solo con quella del depuratore in Colmata a Chiavari.

Il Partito Democratico di Chiavari nella riunione del direttivo di ieri ha ripercorso la decisione definitiva sulla collocazione del depuratore comprensoriale, a Chiavari, nell’area di Colmata. Una decisione che la Regione Liguria ha chiesto di chiudere entro il 30 settembre, per evitare le sanzioni comunitarie verso tutti i cittadini.

La campagna promossa da Levaggi contro la realizzazione del depuratore è veramente deprimente, soprattutto in un Comune che si vuole turistico come Chiavari e che da 45 anni ha un impianto vetusto, impattante e ambientalmente insostenibile a Preli, una delle zone più belle della città, dove da decenni si attende di liberare l’area da tale destinazione e riqualificarla.
Così come è inaccettabile il vittimismo di Levaggi, perché la responsabilità di non aver trovato una soluzione diversa da quella che si è presa, di utilizzare una piccola porzione della colmata a mare per il depuratore interrato, è in carico al Sindaco Levaggi e al Sindaco Sanguineti di Lavagna, che non hanno proposto alcun sito alternativo e disponibile all’ente che doveva decidere.

Levaggi per un anno si è disinteressato del problema, non si è fatto carico di individuare un percorso nè per il depuratore di Preli, nè per il progetto di sviluppo della colmata (che ad oggi nessun ha visto), nè per la individuazione di un sito alternativo a quello della Colmata, una volta che lo stesso Comune di Chiavari, un anno fa, aveva bocciato la Colmatina di Lavagna, cioè la soluzione già individuata per il Tigullio Orientale.

L’ipotesi alternativa di realizzare il depuratore per Chiavari nel porto di Lavagna è irrealizzabile, perché in aree troppo piccole e in zona di elevato rischio idraulico. Levaggi lo sapeva e non ha fatto nulla, nè come Sindaco nè come componente e assessore all’urbanistica della Città Metropolitana.

Levaggi e Sanguineti sono i principali responsabili di questa situazione, di dire no senza aver proposto alternative. Chi ha avuto uno spirito comprensoriale in questa partita non è stato il Comune di Chiavari, ma sono stati nel Tigullio i Sindaci di Sestri Levante (che hanno individuato anche i siti per il proprio territorio, e si sono resi disponibili a risolvere la questione dell’umido nel Tigullio) e di Leivi (che aveva messo a disposizione un proprio sito per risolvere il problema di tutto il Tigullio, anche se con limiti tecnici). Altro che Chiavari “comune capofila del Tigullio”.

Oggi Sanguineti e Levaggi convocano un consiglio comunale fuori tempo massimo, per dire solo no, per nascondere le loro responsabilità e le loro mancate scelte: ma i cittadini non si possono prendere in giro.

La Regione ha chiesto di decidere entro il 30 settembre dopo anni di discussioni; gli scenari sono stati discussi e Levaggi ha avuto ampiamente modo in questi mesi di fare proposte serie nelle sedi che dovevano decidere. Non l’ha fatto e continua a non farlo.
Serve un’operazione verità e trasparenza, perché i cittadini di Chiavari possano capire di cosa si stia parlando e come si sia arrivati a questo punto. Per troppo tempo non sono stati informati da Levaggi e dalla maggioranza. 
Mauro Ferretti 
Segretario Circolo PD Chiavari

Colmata Lavagna: effetti possibili

Colmata Lavagna (progetto Iren poi spostato su sponda Chiavari)

 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>