Published On: Sab, Giu 14th, 2014

Il pesce “non è sano”. Al massimo un etto di tonno ogni due settimane. Aria di bufale

Un articolo su Wired lancia l‘allarme pesce, rovesciando quanto i medici dicevano e dicono tuttora.
Ecco alcuni punti salienti: “Se una bistecca da 80 grammi contiene 70 milligrammi di colesterolo, la stessa quantità di gamberetti ne contiene 161″.  “Tra il 15 e il 30% dei grassi del pesce sarebbero grassi saturi, che stimolano il fegato a produrre colesterolo“.
La quota massima ammissibile è minore di 100 grammi a settimana di grandi pesci quali: spada, tonno, smeriglio, verdesca, merluzzo e ogni altro grande predatore“. In Australia si raccomanda il consumo di al massimo un etto di tonno ogni due settimane…
Sarà pure un allarme scientifico ma restano alcuni dubbi di fondo: oltre ai gamberi, molluschi etc. -che anche le pietre conoscono come procreatori di colesterolo e molto grassi-, immaginiamo che il testo riverberi un allarme (giustificato) sulla necessaria riduzione della pesca industriale, che rischia di impoverire i mari di tutto il mondo.
L’unico modo efficace, oltre all’allevamento ittico (ma anche lì ci sono allarmi: branchi ammassati troppo; mangimi di me..a; malattie; antibiotici…), è mettere paura per evitare l’acquisto e così ridurre la pesca.
Esordire coi gamberi non è una novità scientifica (e non sono nemmeno “pesci”). Ma la questione che più fa inarcare il ciglio è una prova a contrario. SE le cose stessero così, gli italiani (medi mangiatori di pesce) e i giapponesi (primi consumatori di pesce di grandi dimensioni al mondo), dovrebbero morire a 20 anni, invece di essere le popolazioni più vecchie del mondo.
I liguri, i residenti di Mazara del Vallo e di San Benedetto del Tronto si sarebbero già estinti, mentre i trentini camperebbero cent’anni, non i sardi…
E che dire dei francesi, gran mangiatori di crostacei, ostriche e molluschi? E che dire dei polinesiani o peruviani: dovrebbero essere già estinti! I norvegesi e gli scandinavi in genere, con la loro dieta basata su maiale e aringhe? Esploderebbero nell’aria a partire dai tempi del liceo? E gli Inuit?

Pescheria USA, anni '40

Pescheria USA, anni ’40

Pescare e vendere detriti?

Pescare e vendere detriti?

pesce

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>