Published On: Dom, Set 8th, 2013

Il sindaco Muzio chiede di reagire alla chiusura del Tribunale di Chiavari

Di seguito una dichiarazione del sindaco di Casarza Ligure Claudio Muzio a proposito della decisione di chiudere per sempre il Tribunale di Chiavari e del Tigullio.

In linea di massima è un bene procedere coi tagli sulla spesa statale, ma il Tribunale di Chiavari era produttivo per lo Stato italiano, se dava lavoro, se creava ricchezza, se facilitava i cittadini (non solo quelli processati) a seguire pratiche e/o processi, se dava lavoro ad avvocati, segretarie etc.
I cittadini non sanno che prima della guerra, quando gli italiani facevano figli e quindi i servizi costavano meno, in una cittadina come Sestri Levante c’erano l’Ufficio del Registro, il Dazio e 1000 altri servizi, negozi, locali, ora tutti spariti. Allora i costi non erano così abnormi, e la burocrazia era più leggera (nonostante la dittatura fascista).
Cosa è successo nel frattempo, se i costi per lo Stato sono saliti al primo posto del mondo, se il debito dello Stato (cioé nostro) è il terzo al mondo, se le nostre tasse sono le più pesanti e inique del mondo, se i nostri costi per energia, benzina, libri di testo, medicine etc. sono i più alti al mondo? Cosa è successo, oltre al nostro asservimento all’impero burocratico e alla parallela crescita dell’ignoranza di massa, senza di che non si sarebbe potuto produrre un dominio così feroce e insulso.

La chiusura del Tribunale di Chiavari e’ davvero grottesca. Per la verita’ non ho ancora visto la versione ufficiale del c.d. “Decreto Tampone”. Tuttavia se le anticipazioni di stampa fossero veritiere assisteremmo ad una decisione priva di ogni senso, quantomeno priva di ogni senso con particolare riferimento a Chiavari considerata la scarsa sussistenza di arretrato civile. In realta’ e’ tutta una vicenda surreale a partire dalla legge delega di due anni fa passata quasi inosservata per arrivare al ” Decreto Tampone” di questi giorni. Anche il percorso e’ stato interessante con Vicepremier e autorevoli Ministri che vengono, promettono (qualcuno anche per iscritto) e poi dopo le elezioni non rispondono a chi gli chiede conto delle promesse fatte e non si fanno piu’ vedere. Da ultimo la passerella del Ministro Cancellieri a Genova con foto in prima pagina, promesse di attenzione al nostro territorio prontamente rilanciate con enfasi dai presenti (per la verita’ non da tutti). E adesso? Io credo che non possa e non debba finire qui. Che fare dunque? Penso che fino al 12 di settembre ci sia ancora il tempo per un’iniziativa eclatante di tutt’altro tenore rispetto a quelle pur lodevoli assunte fino ad adesso con confini e forti tratti da concordarsi gia’ a partire da domani tra coloro che hanno a cuore la questione. Ove questa non sortisca effetti e a partire dal 14 settembre un’ iniziativa politica sia del territorio che parlamentare finalizzata all’aggregazione di Senatori e Deputati vicini ai Tribunali citati nel Decreto Tampone per arrivare ad una proposta di revisione della geografia giudiziaria. Per quanto mi riguarda e per quanto io possa essere utile sono a totale disposizione“. (Sindaco C. Muzio)

tribunale chiavari manifestazione

Nuovo tribunale Chiavari

Nuovo tribunale Chiavari (mai usato)

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>