Published On: Mer, Mar 25th, 2020

In emergenza Covid-19, c’è chi accende il fuoco col vento a 120 kmh… Incendio sulla Ruta

Ci mancano i soliti ignoti (ma l’aggettivo sarebbe molto peggiore) che -in piena emergenza da coronavirus pensano bene di accendere un fuoco per bruciare sterpaglie sulle alture di Ruta di Camogli sulle pendici del Monte Esoli, alle spalle del Monte di Portofino.
Scrivono i Volontari della Protezione Civile:

Non è mancato oggi chi, in presenza di un bollettino meteo che preannunciava forte vento, ha pensato di accendere, per poi perderne il controllo, un fuoco di pulizia.

I Volontari Antincendio del Coordinamento sono dovuti intervenire con due squadre, in ausilio e sotto le direttive dei Vigili del Fuoco, contenendo le fiamme e procedendo alla successiva bonifica.

Oltre ai rischi tipici di questa attività specifica, i Volontari sono intervenuti dovendosi anche proteggere dall’esposizione al rischio contagio Covid-19 adottando le procedure di prevenzione del caso.

Sul luogo dell’incendio, nei pressi di una abitazione distante circa 300 metri della strada, non potendo operare con l’acqua dei mezzi AIB e neppure con le manichette da giardino presenti in quanto sciolte dalle fiamme, con il supporto di Iren è stata aperta una vasca dell’acquedotto dalla quale si e potuta alimentare una motopompa portatile trasportata manualmente dai Volontari che ha permesso di eseguire l’intervento con efficacia.