Published On: Gio, Ott 26th, 2017

Incendi boschivi: scatta lo stato di Allerta anche nel Tigullio

Gli incendi boschivi sono una conseguenza dell’incuria, della scelta di impiantare il pino marittimo nei boschi liguri, per utilizzarlo nella cantieristica navale precedente all’uso del vapore e dell’acciaio. Poi c’è uno degli agenti principali, insieme col vento: la siccità. E i dati sulla siccità in Liguria sono davvero allarmanti, se si legge il rapporto statistico dell’ARPAL (vedere il nostro articolo).
Consigliamo all’assessore Mai di prevedere anche un minimo di presenza di Volontari della Protezione Civile nelle principali strade dell’entroterra, utile a ricordare l’allerta in corso.
Da sabato 28 ottobre scatta lo stato di grave pericolosità anche per le province di Genova e La Spezia. È stato decretato dal dipartimento Agricoltura della Regione Liguria. “La decisione – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai – è stata presa viste le attuali condizioni di secchezza del terreno e delle previsioni sulle condizioni meteo climatiche che prevedono condizioni purtroppo idonee a favorire l’insorgere di incendi boschivi”.

Lo stato di grave pericolosità prevede il divieto di accendere qualsiasi tipo di fuoco, sia pirotecnici, sia per l’abbruciamento di materiale vegetale e anche il divieto di mettere in funzione apparecchi elettrici come motoseghe. Lo scorso 14 ottobre era stato già decretato lo stato di grave pericolosità incendi per le province di Imperia e Savona.

La Regione Liguria comunicherà la cessazione dello stato di grave pericolosità non appena le condizioni meteo lo consentiranno cioè con l’aumento dell’umidità della vegetazione. “Ringrazio nuovamente– ha detto l’assessore Mai – il personale dei vigili del fuoco e soprattutto i volontari dell’antincendio che, anche in queste settimane, si sono impegnati per tenere sotto controllo le situazioni di maggiore emergenza”.