Published On: Ven, Gen 10th, 2014

Incredibile: sarà scelta oggi la Ditta incaricata di ricostruire il ponte di Carasco

Niente da fare. Il male oscuro che uccide l’Italia è la burocrazia, la lentezza spaventosa con cui si realizzano i lavori, si applicano leggi. Non è colpa diretta della politica, quindi, se per ricostruire il ponte di Carasco serviranno altri mesi (ma a Roma si dovrebbe rottamare tutto l’apparathnik amministrativo), quanto della fitta rete di leggi e codici, di valvassori, bizantinismi, regole di Zoroastro.

Il ponte San Pietro a Carasco è crollato (dopo allarmi lanciati da anni!) a ottobre 2013. Noi di Tigullio News avevamo parlato di sei mesi prima della realizzazione di un nuovo ponte. Ci dissero che ci voleva un tempo molto inferiore (due mesi) Ebbene, siamo a 3 (tre) mesi dal crollo di un’opera che garantiva economicamente una vallata (ex?) industriale, e solo OGGI sarà scelta la ditta incaricata di eseguire i lavori, in Provincia.

Sono quattro le offerte arrivate. Nel frattempo sono partiti i lavori per la risistemazione degli argini, che diventeranno anche appoggi per il nuovo ponte di San Pietro. Ma non sono ancora finiti. “Colpa del cattivo tempo”, si dice.

E noi riguardiamo amaramente i nostri vecchi articoli, sui quali si è depositata ormai un’impalpabile polvere digitale.

La costruzione dell’imponente ponte di San Pietroburgo (lungo 47 chilometri, vedi sotto) viene condotta con tempi veloci anche d’inverno a -25°Tempi previsti: 3 anni.

Il tunnel sotto la Manica (50 Km. in totale di lavori, di cui 1,5 sotto il mare) è stato realizzato in 6 anni.

In Cina la linea ferroviaria AV Pechino-Shangai (1400 km., dotata di 244 ponti) è stata costruita in tre anni.

O si fa l’Italia o si muore (di burocrazia).

Il ponte di 36 km. in Cina

Il ponte di 36 km. in Cina

San Pietroburgo

San Pietroburgo

 

Ponte San Pietroburgo (47 km.)

Ponte San Pietroburgo (47 km.)

 

Displaying 15 Comments
Have Your Say
  1. Franco Devoto ha detto:

    Tutto i giorni vedo, affacciandomi dal balcone, i progressi dei lavori. Vedo che procedono a pieno ritmo salvo i giorni di piena e di allerta. Non hanno perso un gran tempo in alcuni casi hanno lavorato anche di domenica. Sarò lieto di offrirti un caffè e mi sbaglierò e mi piacerebbe facessi altrettanto tu caro Aldo. Senza offesa ma puoi dire a che punto sono i lavori? Io si. Il problema è che alla prima scossa di terremoto tutti diventano sismologi, alla prima frana tutti geologi, sulle strade tutti piloti. Non si può solo e dico solo avere un pochino di umiltà e dire vediamo cosa succede e aspettare? Anche perché non ci sono molte altre alternative. Caro Aldo se ti avanza un ponte di una cinquantina di metri in garage e credi possa servire fallo sapere alla comunità.

  2. ALDO ha detto:

    FRANCO DEVOTO (ALIAS BURLANDO) SE CREDI CHE IL PONTE SIA FINITO ENTRO LA FINE DI FEBBRAIO O SEI STUPIDO O SEI PAGATO PER DIRLO!!!

  3. Franco Devoto ha detto:

    Ecco appunto per l’allerta 2 slittano i tempi… Non c’è dubbio il Bailey poteva senz’altro essere una soluzione temporanea ma si sa le soluzioni temporanee rischiano di diventare definitive. Speriamo bene ma si sa chi vive sperando muore ca.. no. Grazie e scusate gli sfoghi

  4. Gatto nero ha detto:

    Franco Devoto,grazie della proposta. A quanto ammonta la mia prebenda? A parte gli scherzi,nessuno,mi creda,si arrabbia,solo che i tempi,per fare un lavoro come si deve,mi sembrano alquanto ristretti. Forse per evitare i disagi,momentaneamente,si poteva usufruire di un Ponte Bailey. Del resto era stato proposto,se non vado errato. Col tempo e nel periodo invernale,fissare dei termini per costruire un ponte è oltremodo sconveniente. A meno che non si voglia tenere conto della meteorologia. Non le pare? Questa non è polemica,ma realtà! Intanto per cominciare domani c’è l’allerta 2.

  5. Franco Devoto ha detto:

    P. S. Burlando aveva promesso entro la fine di febbraio come opera finita vogliamo concedere ancora un mese di buono? Poi incaz… moci pure

  6. Franco Devoto ha detto:

    Propongo gatto nero come detective… Dunque il 22/23 di marzo sarebbero passati 5 mesi e non 6 siamo ancora al 16 e c’è di nuovo una nuova allerta meteo… Quindi aspettiamo. Ma poi a fare tutte queste polemiche si ottiene cosa? O forse cercando di collaborare tra noi comuni mortali riusciamo a “lubrificare” un pò i meccanismi delle lentezze… Vorrei ricordare che oggi siamo un pò troppo abituati ad avere tutto e subito. Basterebbe pesare un paio di camion che transitano sul ponte di Loreto per rendervi conto subito tutti che ne transitano moltissimi che pesano ben di più delle dieci tonnellate… Ma bisogna far scendere tutte le persone anziane dagli autobus per più farle risalire appena attraversato il ponte a piedi anche in condizioni di pioggia e magari cariche di borse della spesa… Non aggiungo altro mi sembra proprio la stessa polemica che non voglio fare

  7. Redazione ha detto:

    Gentile Devoto,
    tutto molto giusto. Però ricordo che marzo significa 6 mesi dopo il crollo. In origine in molti ci hanno “garantito” che la ricostruzione sarebbe durata due mesi: un regalo di Natale non arrivato comunque. Poi noi siamo i primi a non fare i populisti che attaccano sempre e comunque i politici e gli “altri” in genere, senza vedere i propri errori. Ma sui tempi di realizzazione di qualsiasi cosa in Italia (non a Carasco!) c’è un problema enorme.

  8. Gatto nero ha detto:

    Una cosa è certa! Rike e Franco Devoto sono la stessa persona.

  9. Franco Devoto ha detto:

    Secondo me entro la fine di marzo il ponte sarà finito e probabilmente anche collaudato. Non siano parlando di chilometri di ponti o tunnel sotto la manica stiamo parlando di un ponte lungo 50 metri… E già costruito, rimane da assemblare e installare in loco siamo un pò di tempo d evitiamo sempre polemiche che non portano a nulla… C’è tempo per arrabbiarsi ma solo dopo che i tempi non saranno rispettati. PS io abito a 50 metri dal ponte crollato lato fontanabuona e quando è crollato ho sentito la casa tremare. Ero uno tra i primi a dirottare le auto verso via Gazzo, questo solo per far capire quanti sia necessario mantenere la calma e far capire quanto io, la mia famiglia e tutti gli altri ne siamo coinvolti… Aspettiamo Dunque

  10. Redazione ha detto:

    Pienamente d’accordo sul ponte Bailey. Infatti abbiamo inoltrato la proposta, con un articolo. Ma evidentemente non è servito.

  11. Mykros ha detto:

    Un ponte bailey – portata 50 tonnellate quindi buono anche per i TIR – sarebbe costato 100.000 euro e sarebbe stato messo in opera in 2/3 giorni.
    Con opportuni accorgimenti poteva essere messo in opera in modo da non ostacolare i successivi lavori di ricostruzione del manufatto definitivo.
    L’ANAS lo aveva offerto, non lo hanno voluto!

  12. – Colmata alla foce dell’Entella 80 Milioni euro
    -Abbattere il Ponte della Libertà tra Lavagna e Chiavari (che stranamente sta in piedi) 12 Milioni euro
    -Diga Perfigli 11 Milioni euro
    V.le Kasman e vari arigini sino a Settembrin, con Ponte nuovo tra Lavagna e Chiavari 300 Milioni di euro.

    SPESE PER OLTRE 400MILIONI CONSEGNA PER IL 2300!! ma 2 soldi per l’Aurelia, Fontanabuona e Ponti vari, prima che crollino.. NON CE NE SONO???

  13. Ci sono tante elezioni in vista a Maggio di sindaci.. vedrete che il fenomeno Burlando con il fido Fossati ci daranno una botta improvvisa.. con tanto di pendolarismo giornaliero nel Tigullio!!!

  14. Gatto nero ha detto:

    Come volevasi dimostrare! Altro che maggio 2014! Maggio,ma quale ed in quale anno?

  15. ALDO ha detto:

    POTREMMO DIRCI SODDISFATTI SE SARA’ PRONTO TRA UN ANNO, MA NE DUBITO

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>