Published On: Mar, Mag 2nd, 2017

Iniziativa “Donacibo”, dall’Istituto Comprensivo Rapallo 532 kg di cibo solidale

Dall’Istituto Comprensivo Rapallo riceviamo il seguente comunicato:

Educare alla solidarietà
L’Istituto Comprensivo Rapallo ha raccolto 532 kg di alimenti per il Donacibo, 2.264
euro per la Fondazione Italiana per la lotta al neuroblastoma infantile ed è diventata
un punto di raccolta di Solidarscuola, il progetto di cooperazione internazionale che
invia materiale scolastico nelle zone colpite da guerre ed emergenze umanitarie

Per il sesto anno consecutivo l’Istituto Comprensivo Rapallo ha partecipato al progetto Donacibo, che prevede la raccolta di generi alimentari destinati alle famiglie in difficoltà del territorio. Bambini e ragazzi delle scuole medie, elementari e dell’infanzia nel periodo pre-pasquale hanno riempito gli scatoloni posti al di fuori delle varie classi con generi alimentari non deperibili, come farina, zucchero, pasta, biscotti, pelati, tonno, riso. Le confezioni sono state poi raccolte dai volontari del Banco di Solidarietà di Rapallo e portate nel centro di raccolta, presso la Parrocchia di S.Pietro di Novella a Rapallo. Grazie alla generosità di tutti gli alunni e le famiglie dell’Istituto si sono raccolti 532 kg di generi alimentari, che permettono di sostenere quasi 50 nuclei familiari.

Negli stessi giorni la scuola media ex Giustiniani ha partecipato per il sesto anno consecutivo all’iniziativa benefica Cerco un uovo per amico, in favore dell’associazione per la lotta al neuroblastoma dell’ospedale Gaslini di Genova. Sono state acquistate dalle famiglie e dagli insegnanti 233 uova, per un totale di 2.344 euro.

Grazie ad alcune classi dell’Istituto che hanno partecipato alle attività di Music for Peace, l’associazione genovese impegnata in missioni umanitarie nelle zone colpite da guerre ed emergenze umanitarie, la scuola è diventata inoltre un punto di raccolta cittadino di Solidarscuola, l’iniziativa che si propone di raccogliere beni di necessità e materiale scolastico che i volontari poi distribuiscono nelle zone colpite da guerre o calamità naturali. Chi vorrà potrà portare a scuola (in un punto destinato alla raccolta nell’atrio) cibo a lunga conservazione ma anche quaderni, penne, pennarelli e altro materiale utile agli studenti. Durante le missioni umanitarie, lo staff redige un diario di bordo scritto, fotografico e video che pubblica quotidianamente. Grazie a questo sistema, tutti coloro che hanno donato anche solo una matita possono seguire il “viaggio” e la distribuzione della loro donazione.

«È sempre una grande lezione toccare con mano la solidarietà e la generosità dei ragazzi e delle loro famiglie, in un momento economicamente difficile per molti – ha detto Giacomo Daneri, Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Rapallo – E ci ha riempiti di orgoglio vedere tra i volontari del Donacibo alcuni dei nostri ex alunni. Segno che coinvolgere direttamente gli allievi come parte attiva nella realizzazione di progetti di solidarietà è veramente un’occasione di crescita e maturazione personale. Sensibilizzare i nostri alunni alla partecipazione e formarli ai valori del dono e della condivisione è uno scopo importante della scuola in cui crediamo».