Published On: Mer, Feb 3rd, 2016

Inveiamo contro i potenti ma chi abbandona i rifiuti sui sentieri della Liguria è un miserabile

Quello dei rifiuti abbandonati dagli escursionisti lungo i sentieri marini e montani della Liguria è una grande jattura che è anche una vergogna, se si pensa ai turisti stranieri che vi transitano. Come si dice le foto scattate dall’associazione Mangia Trekking “parlano da sole”. Il problema però non riguarda soltanto le così dette “autorità”, che non rimuovono le infamie abbandonate dai passanti, ma anche dei cittadini che le producono e che non hanno nemmeno il minimo senso civico, di decoro, di intelligenza, e buttano tra l’erba dietro un monumento appena restaurato il risultato delle loro vite meschine e senza rispetto.
Io mi vergogno di quelle persone.

“…Attraversando Pegazzano con  Mangia Trekking ed alcuni turisti stranieri…”

 Vi è un antico percorso di La Spezia che iniziando dal quartiere di Pegazzano e risalendo la Costa di Murlo ed il Vignale conduce nelle Cinque Terre, nella Val di Vara oppure a Porto Venere. Si tratta di  una lunga scalinata, la quale inizia in prossimità del Monumento ai Caduti di Pegazzano. Un monumento che vollero i cittadini di Pegazzano, recentemente restaurato, sembra anche con un sensibile intervento pubblico,  e che soltanto  per le sue tre lapidi e per la sua lunga e particolare storia, meriterebbe sempre un grande rispetto. Invece nonostante tante  segnalazioni, anche autorevoli, quando qualche associato di Mangia Trekking transita da Pegazzano, diretto oltre il monte Parodi, in prossimità del Monumento ai Caduti di Pegazzano, trova sempre una quantità di spazzatura. Rifiuti che permangono sul posto anche per mesi e mesi. Forse invece di perseguire un foglio di carta con il programma della benedizione delle case o di un’interpellanza consiliare in merito all’asfaltatura di una strada, si dovrebbe fare qualcosa d’altro. Così Mangia Trekking, a fronte dei tantissimi rifiuti trovati sempre, in tantissimi luoghi del territorio spezzino, mentre desidera richiamare l’attenzione dei responsabili di questo trattamento sconsiderato dei rifiuti, verso una maggiore educazione ambientale,  auspica che “Chi Deve” si assuma le proprie responsabilità verso la Comunità, e che oltre tante annunciazioni, cominci ad  operare concretamente affinché  il camminare sulle antiche vie del Golfo dei Poeti divenga un’attività effettivamente piacevole e non un continuo “esercizio del non guardare” e del “non vedere”.       

rifiuti monumento pegazzano 2

Rifiuti attorno al monumento di Pegazzano

Monumento ai Caduti di Pegazzano - Post restauro

rifiuti monumento pegazzano 1

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>