Published On: Gio, Set 17th, 2015

Irish music festival a Santa Margherita. Intervista a Fabio Rinaudo dei Birkin Tree

Appuntamento questo fine settimana a Santa Margherita Ligure con la prima edizione del’Irish Music Festival. Il Comune propone diversi concerti dedicati all’Irlanda e alle sue melodie. Si esibiranno musicisti di fama internazionale. I primi artisti a proporre la loro musica saranno i Birkin Tree, accompagnati dai ballerini della Gens d’Ys dancers giovedi 18 alle 21 a piazza Caprera. Il gruppo savonese-genovese è l’unica band italiana ad esibirsi regolarmente in Irlanda, dove la loro musica è sempre trasmessa dalle emittenti nazionali. I Birkin Tree, oltre che in Irlanda, si sono esibiti anche in molti altri Paesi europei. Il gruppo fondato da Fabio Rinaudo ha recentemente tenuto un concerto in Germania dove ha riscosso un ottimo successo, come nei concerti irlandesi. Ecco la nostra intervista esclusiva a Rinaudo:

Fabio, il tuo gruppo ha fatto spesso tappa nel nostro territorio…
“Ricordiamo con piacere i concerti nel Tigullio, la nostra musica è stata sempre molto apprezzata“.

Quando è sorta in te la passione per la musica irlandese?
“Quando ero ragazzo mi appassionai a queste sonorità. La musica mi è sempre piaciuta, a scuola ho studiato un po’ pianoforte, flauto, ma sono gli strumenti irlandesi che mi hanno appassionato. L’Irlanda è uno dei pochi Paesi in cui si è mantenuta viva e vi è continuità nella musica tradizionale.”

Vi sono altri aspetti dell’Irlanda che hai approfondito?
Mi hanno sempre appassionato le vicende di questo paese, assieme ai libri sulla musica irlandese ho letto anche molto sulla storia dell’Irlanda”.

Vi sono diversi gruppi irlandesi, ad esempio gli U2, i Cranberries, che hanno molti fan in Italia. Ti piace la loro musica?
“Si, sono sicuramente punti di riferimento per l’Irlanda. Nelle loro canzoni si parla spesso delle vicende del Paese.

La vostra musica è sempre molto apprezzata dagli irlandesi:
Si, ai nostri concerti ha sempre partecipato molto pubblico. Gli irlandesi apprezzano la nostra attenzione verso la loro cultura e la modalità con cui eseguiamo la loro musica. Durante i nostri viaggi in Irlanda abbiamo incontrato tante persone e stretto amicizia con loro.

Il 19 si esibiranno anche il violinista Martin Hayes e il chitarrista Dennis Cahill. Il duo si è esibito con enorme successo in tutto il mondo ed ha pubblicato tre album riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica. Hayes ha inoltre ricevuto molti premi nazionali ed internazionali. Gli Uncle Bard & The Dirty Bastards proporranno l’ultimo concerto della rassegna. Questo gruppo si è già esibito insieme a gruppi internazionali. Tutti gli spettacoli si terranno in Piazza Caprera, inizieranno alle 21.15 e sono gratuiti. La direzione artistica del Festival è curata dall’Associazione Corelli di Savona.
loc irish music festival

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>