Published On: Dom, Set 8th, 2013

Italia o Regno Unito? Cento leggiucole sul lavoro o minimum wage?

Citiamo da un’intervista fatta a un italiano che si è da tempo trasferito a Liverpool. La parte interessante è il “Minimum wage”, una garanzia per il lavoratore.

Quali differenze sostanziali riscontri a livello lavorativo rispetto all’Italia?
Sicuramente la flessibilità del mercato del lavoro, dovuta in primo luogo alla minore rigidità delle forme contrattuali e poi anche grazie alla presenza del cosiddetto “minimum wage“, cioè la paga minima garantita per legge, la quale funge da incentivo a tutti i job seeker affinchè possano cercare una molteplicità di impieghi in diversi settori, senza preoccuparsi delle differenze a livello retributivo, che invece sono presenti in Italia.

Da notare anche la frase: “Qui nessuno mai ti etichetterà come “straniero“.

Questa riflessione parte da questo vecchio testo -di Abr -recuperato ieri in vecchi link, sulla cerimonia del cambio di governo nel Regno Unito:

LEZIONI DI CIVILTA’ – THE KISSING HANDS CEREMONY
…”Ho appena finito di godermi live from BBC, come si cambia governo in Uk.

Alle 20.00 si propaga la notizia che Gordon Brown intende interrompere le trattative coi lib-dems, per formare il nuovo governo: e’ la sua piu’ bella mossa, ovviamente uno scatto d’orgoglio per non farsi usare; i piu’ sorpresi sono i lib-dems, che stavano gia’ trattando coi Tory e sicuramente avrebbero voluto giocarsela piu’ di sponda.

Ore 20.15 italiane, Brown esce dal nr.10 di Downing Street, annuncia le sue dimissioni, sale in auto con la famiglia seguito da una Range Rover di scorta SENZA SIRENE E LAMPEGGIANTI e si dirige dalla Regina. SI FA TUTTI I SUOI SEMAFORI E CODE senza rompere i timpani ai cittadini, in dieci minuti arriva a Buckingham Palace dove rassegna le dimissioni formali. La regina non puo’ discuterle, puo’ solo fare la domanda di rito: “Chi raccomanda per formare un nuovo governo?”. Brown fa il nome di David Cameron leader dei Tory. Il tutto dura dieci minuti scarsi. Brown risale in auto, si fa semafori e code, in un quarto d’ora arriva alla sede del Labour Party, dove rassegna le dimissioni dal leader del partito, saluta, ringrazia tutti e va a casa.

Ore 21.00, David Cameron arriva a Buckingham Palace, anche lui senza sirene, fermandosi ai semafori (la gente che lo risconosce dai marciapiedi gli fa le foto) e con una sola auto di scorta senza lampeggianti e sirene. L’incontro dura venti minuti (tempo insolitamente lungo); Cameron accetta l’incarico “kissing hands” alla regina (in realta’ le stringe la mano): e’ il piu’ giovane PM da duecento anni. Alle 21.45 ora italiana e’ al nr.10 di Downing Street dove il personale lo attende; fa il discorsetto, poi entra per la prima riunione per stilare i nomi.
In due ore in Uk si cambia governo, ripetendo uno scarno e praticissimo rituale denso di storia…

Direzione senza certezze o direzione certa?

Direzione senza certezze o direzione certa? (best photography)

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>