Published On: Mer, Ott 30th, 2013

La Carta di Identità e le fotocopie: una storia di ordinaria burocrazia

Oggi ho dovuto fare per l’ennesima volta una fotocopia della carta di identità, un documento borbonico, umiliante e inutile. Inn un ufficio eravamo io e l’ing. T. il quale, visto che il fotocopiatore doveva fare i salti mortali per fotocopiare nella stessa pagina il NUMERO della carta (che è sulla prima pagina del documento) e i dati con la foto (che sono nelle pagine interne), ha detto: “Possibile che siamo così TROGLODITI da non avere nemmeno fatto in modo che il numero e i dati siano nella stessa pagina?“.

Corollario: “Massacrare la burocrazia non è reato”.

bureaucraZy

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Carlo Rossini ha detto:

    Non comprendo il riferimento ai Borbone……ogni volta che qualche cosa non funziona si addossa la responsabilità ai Borbone. Non avete capito che da oltre 150 i Borbone non governano??? Ignoranti !!!!!!!!!!

  2. Gatto nero ha detto:

    Chi ha fatto in tal modo il documento,risulta iscritto all’U.C.A.S. (Ufficio Complicazioni Affari Semplici). La burocrazia ce la mette tutta per renderci la vita difficile, si vede anche da queste piccole cose. Come al solito, ci vuole un decreto per cambiare, questo ed altri provvedimenti fatti alla b…. di cane.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>