Pubblicato il: ven, Nov 10th, 2017

La nave Liguria va o non va? Crescono i porti, ma anche la disoccupazione

GENOVA. “Il traffico mercantile complessivo dei porti liguri ha registrato una crescita nel primo semestre dell’anno, confermando il buon andamento della seconda metà del 2016. La movimentazione dei container registra una crescita più elevata di quella dei porti del Nord Europa e del Mediterraneo occidentale. Evidentemente il nostro impegno nel coordinamento interregionale sulla logistica sta portando i primi risultati: le potenzialità dei nostri scali sono enormi e potrebbero creare nuova occupazione una volta raggiunta un’adeguata autonomia finanziaria e amministrativa”. Lo dichiara l’assessore regionale allo Sviluppo economico e ai Porti Edoardo Rixi commentando i dati dell’ultima analisi congiunturale di Bankitalia.
“Registriamo segnali di crescita -continua l’assessore Rixi – anche nell’export del primo semestre, rispetto al 2015, a un ritmo più che doppio rispetto a quello nazionale e al Nord Ovest. Dati questi che ci indicano come la Liguria abbia ripreso a crescere. Anche la fiducia delle imprese è in aumento, soprattutto nei settori dell’agro-alimentare e dell’hi-tech, con previsioni positive di crescita di fatturato a fine anno. Le politiche di accesso al credito e di supporto agli investimenti alle aziende hanno agevolato la ripresa: ora occorre proseguire con politiche di attrazione di nuovi investimenti che generino nuova occupazione, in particolare giovanile”.

LIGURIA. I dati di Bankitalia sulla Liguria non sono buoni e confermano quelli di Istat, sindacati e Camera di Commercio. Il tasso di disoccupazione dal 2016 al 2017 è cresciuto dello 0,4%, e oggi arriva al 10%. Mentre nel Nord Ovest, nello stesso periodo, cala dello 0,5%. Raffaella Paita (PD) scrive: “Perché Toti non va sulle tv nazionali a spiegare davvero il modello Liguria? La formula che potrebbe utilizzare per spiegare la sua strategia è: più tasse e più disoccupati.”

La nave Liguria va o non va?