Published On: Mar, Feb 7th, 2017

La Regione valuta il progetto di scolmatore dei torrenti di Santa Margherita

Ieri il Comune di Santa Margherita ligure ha depositato presso Regione Liguria la documentazione per la procedura di rinnovo della “Valutazione di impatto ambientale” (Vas), relativa alla realizzazione del canale scolmatore dei torrenti San Siro e Magistrato nel Comune di Santa Margherita Ligure.
Presso il Comune di Santa Margherita Ligure il materiale documentale è consultabile dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12 e il mercoledì anche dalle 15 alle 17.

Il progetto prevede la realizzazione di uno scolmatore in galleria atto a raccogliere e convogliare una parte sostanziale delle portate di piena dei Torrenti San Siro e Magistrato con lo scopo di affrontare e risolvere il difficile ed annoso problema attinente alla ridotta capacità idraulica dei corsi d’acqua che interessano il centro storico di Santa Margherita.

Nel Progetto è stata anche valutata tecnicamente ed economicamente la possibilità di realizzare, per il tratto terminale del Fosso Magistrato, uno scolmatore lungo il tratto urbano invece della realizzazione del pozzo di presa per l’allaccio alla galleria in progetto.
La soluzione di progetto è stata analizzata verificando in moto vario la propagazione dell’onda di piena della nuova rete costituita dal torrente San Siro, dal Fosso Magistrato e dal canale scolmatore. Al fine di esaminare il moto ondoso nella zona di Punta Pedale, dove sbocca la galleria scolmatrice in progetto, di definire la condizione idraulica di contorno a valle per il funzionamento della galleria e la sollecitazione ondosa per il dimensionamento della scogliera di protezione del ripascimento, su cui verrà realizzato il cantiere, è stato condotto un apposito rilievo batimetrico della costa e quindi un’analisi delle interazioni della dinamica litoranea. È stata anche analizzata l’interazione con la dinamica litoranea del materiale in sospensione trasportato dalla corrente di piena, evidenziando come, essendo il litorale in erosione, tale materiale verrà subito allontanato dall’azione del moto ondoso. Le opere in progetto consistono nella galleria, nell’opera di presa sul torrente San Siro, nell’opera di presa sul torrente Magistrato e nell’opera di sbocco a mare.

La galleria idraulica è caratterizzata da uno sviluppo complessivo di 2390 metri dimensionato per raccogliere fino a 102,3 mc/s e pendenza pari a 0,99%. La galleria funge da scolmatore delle acque dei torrenti San Siro e Magistrato quando essi sono in fase di piena. …
L’opera, sarà costituita da:
• un riempimento temporaneo in fase di cantiere per lo stoccaggio del materiale di risulta, che prevede un ingombro massimo dell’area di cantiere pari a circa 2.500 m2;
• una platea in calcestruzzo di ingombro pari a 30 m2 circa con denti sporgenti sotto il livello del mare;
• due pennelli laterali in massi naturali di peso superiore a 1 tonnellata.
La pendenza delle scogliera pari a 1 su 1,5 è stata ottimizzata per rispondere alle necessità tecnico-strutturali e per ridurre il più possibile l’ingombro della stessa lato mare. La scogliera presenta una sommità a quota 1,80 m s.l.m e piede a quota –2,00 m s.l.m. in prossimità della costa. Tale opera avrà il duplice obiettivo di proteggere la galleria dai fenomeni di erosione durante le mareggiate e di dissipare l’energia della corrente scolmata dalla galleria.