Published On: Lun, Mar 18th, 2019

L’Accademia del turismo di Lavagna partecipa all’incontro della World association for ospitality and tourism

L’Accademia del Turismo di Lavagna, con la presenza del suo Amministratore Unico Nicola Visconti e della direttrice Chiara Rosatelli, dal 14 al 16 marzo 2019 ha partecipato a Parigi al 50° anniversario di AMFORHT (World Association for Ospitality and Tourism Education and Training), l’Associazione mondiale per l’educazione e la formazione nei settori del turismo e dell’ospitalità.

L’evento ha visto la partecipazione dei più importanti istituti del settore e si è svolto nel palazzo dell’Assemblea nazionale francese (il Parlamento), alla presenza di membri del Governo, dei ministri del turismo di diverse nazioni (e l’Italia?), dei rappresentanti del settore. Segno che il turismo va affrontato sul serio e senza contare su rendite di posizione, come per l’Italia è per esempio avvenuto per secoli, per il patrimonio artistico e paesaggistico.

Invece si deve imparare da Felicori, ex direttore della Reggia di Caserta, che ha salvato il degrado della Reggia, incrementato i visitatori, espulso il piccolo commercio abusivo operando con i soli criteri “manageriali e aziendalisti” così odiati dai trogloditi de “Il lucro è farina del diavolo”, e “La cultura non deve avere a che fare col denaro”.
Ciò vale anche per il turismo, che è parte dell’industria culturale, e parte del commercio tout court.