Published On: Sab, Apr 20th, 2013

L’affondo di Conti (Pdl) sui dieci anni di amministrazione Lavarello-Ghio

marco conti pdlSESTRI LEVANTE. Un’analisi amara e fortemente critica quella che Marco Conti, consigliere Pdl, fa di questi 10 anni di amministrazione sotto il mandato di Andrea Lavarello, affiancato dall’assessore uscente e candidata sindaco Valentina Ghio. “I dieci anni di amministrazione Lavarello? Scialbi e regressivi – spiega Conti -. Mi pare opportuno ricordargli gli esordi: la mancata acquisizione dalle FF.SS. dell’area a ponente della Stazione, laddove ora si stanno realizzando box interrati e un edificio prospiciente la piazza. Le FF.SS. avevano predisposto, per quell’ area, un atto di vendita al Comune, mai sottoscritto, ragion per cui le Ferrovie misero all’asta l’area, ricavandone ben 3,4 milioni di euro e le volumetrie dell’edificio prospiciente Piazza della Stazione passarono dai 3500 mc. previsti dal PUC a 6811 mc”. E ancora. “Il Sindaco da sempre ci sbandiera l’aver realizzato la passeggiata a mare ma dimentica che sono il frutto di un finanziamento della U.E. tramite la  Regione Liguria; si vanta delle Piscine ma dimentica che anche queste sono un’eredità del passato: lui le ha solo messe in funzione, peraltro male, con grave ritardo e con notevoli pasticci nell’ assegnazione della gestione. Identica storia è quella del Museo di Palazzo Fascie che l’attuale candidata sindaco Valentina Ghio da mesi va sbandierando sui giornali come fosse una sua fantastica realizzazione”.

Lavarello e Ghio

La candidata Sindaco Valentina Ghio è attualmente assessore alla cultura ininterrottamente dal 2003 e ai servizi sociali dal 2008. “Da sempre ci propina i suoi straordinari risultati ma, dati alla mano, i risultati sono molto modesti – prosgue il consigliere -. Con una maggiore entrata IMU di 2,4 milioni di euro rispetto all’ICI del 2011, la candidata Ghio ha  il coraggio di vantarsi dell’elemosina di 100 mila euro per l’integrazione dell’affitto delle famiglie bisognose. Si vanta per i 7 posti in più  all’ Asilo Nido Comunale dimenticando che è un’eredità di chi l’ha preceduta. A proposito, sull’ argomento asilo nido la Ghio non sa, o fa finta di non sapere, che a Sestri Levante le strutture, sia pubbliche che private, non sono in grado di soddisfare le richieste: infatti solo 1 bambino su 6, dai 0 ai 3 anni, può essere accolto.  Mentre sulla Casa di Riposo “le Due Palme” il gestore fa i salti mortali per tirare avanti il Comune fa il braccino corto e nonostante la Stella Polare sia posseduta a maggioranza dal Comune, la stessa versa un canone annuo di € 10.000,00 per l’utilizzo della struttura, inoltre nel ha versato € 13.476,00 di ICI (2011) e oltre € 20.000 di IMU (2012) e ogni anno € 5.869,00 di TARSU. E’ il primo caso nella storia dove un Comune cerca di lucrare da un servizio sociale così indispensabile come la cura degli anziani. Il trattamento riservato alla Fondazione Mediaterraneo invece è molto diverso, infatti non ha mai corrisposto neanche un euro di ICI e IMU. Ricordo alla Candidata che l’argomento Mediaterraneo è sempre stato di sua competenza e in questi suoi dieci anni quali risultati ha prodotto? Glieli ricordo io: il fondo di dotazione (soldi pubblici) di € 748.600,00 è stato completamente dilapidato per coprire le perdite pregresse dal 1998 al 2005 e quelle degli esercizi 2010 e 2011″.

.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>