Published On: Mar, Feb 14th, 2017

Lavagna, un ragazzo si toglie la vita. Lasciamo la famiglia in pace

Share This
Tags

Sedici anni è un’età tremendamente difficile. Problemi familiari. Scuola. Controlli anti droga in classe. Perquisizione in camera. Prospettive brutte, con la paura di essere segnato a vita per un nulla (siamo in Italia, dove una condanna per una cazz.ta giovanile ti segna per la vita peggio di un ergastolo: basta l’inibizione dall’impiego pubblico. …Meglio uccidere uno, che dopo la galera almeno un lavoro te lo trovano, forse). E allora buttarsi dalla finestra. Farla finita. Hai fatto una cazz.ta, ne fai un’altra. Succede, a 16 anni. Notizia in prima pagina, così si vende di più. Un imperativo. Colpa anche della curiosità di noi lettori, oltre che di noi giornalisti.
Almeno un poco di silenzio. Per favore: niente dibattiti.