Published On: Ven, Feb 10th, 2012

“Le Città dei Fuochi” si preparano ad accogliere turisti

Mauro Boccaccio, , Angelo Berlangeri,

GENOVA. Si è svolta ieri nella sede della Regione Liguria la presentazione dell’iniziativa “Le Città dei Fuochi” per valorizzare e promuovere le feste popolari del territorio che hanno nell’elemento “fuoco” il cuore e la passione delle tradizioni laiche e religiose, dalle antiche sparate di mortaretti liguri ai grandi spettacoli pirotecnici.

Un patrimonio culturale immateriale della Liguria che, grazie ai siti web specializzati, sta diventando anche un richiamo turistico per migliaia di appassionati della “pyro-vacanza”, in occasione di vari appuntamenti estivi e invernali, dal Palio pirotecnico delle Feste di luglioRapallo, al Ferragosto di Sanremo, alla Sagra del Fuoco di Recco del 7 e 8 settembre, alle feste di Cicagna, Gattorna, Favale di Malvaro in Val Fontanabuona, Sori, alla “Notte dei furgari con la cascate di fuoco” di Taggia, in programma sabato 11 febbraio, per citarne solo alcuni.

Abbiamo voluto mettere a sistema e coordinare le varie attività pirotecniche sul territorio regionale” spiega l’assessore al turismo Angelo Berlangieri. Facendo fronte comune e lavorando in sinergia è infatti possibile, specialmente in tempi di crisi economica, ottenere maggiori ritorni pubblicitari a fronte di una spesa più contenuta.

Gli eventi pirotecnici liguri costituiranno una vera e propria rete di appuntamenti, anche vacanzieri, inserita nel pacchetto “Liguria Events”. Verranno realizzate brochure informative ed in occasione del prossimo importante appuntamento milanese con la Borsa Internazionale del Turismo  (dal 16 al 19 febbraio) sarà presentata l’iniziativa agli operatori turistici di oltre 18 Paesi.

Alla conferenza promossa dall’assessore al Turismo Angelo Berlangieri, con i colleghi Gabriele Cascino e Giovanni Boitano ha aderito una nutrita platea di sindaci, comitati organizzativi e imprese pirotecniche liguri. Visto il gradimento, l’assessore Berlangeri si è spinto nella proposta di realizzare una sorta di “Notte dei fuochi” invitando tutti i comuni a collaborare per salutare contemporaneamente gli ospiti con uno spettacolo pirotecnico, sia pure di pochi minuti. Immaginate l’impatto mediatico di una fotografia satellitare che evidenzi l’arco ligure illuminato dai bagliori magici dei fuochi artificiali. Attualmente è solo una provocazione, ma l’idea ha già solleticato la fantasia di diversi sindaci e non è da escludersi che possa tramutarsi in realtà.

Il comune di Taggia (IM) sarà il primo a  dare “fuoco alle polveri” con i festeggiamenti di San Benedetto in programma domani sera. Una lunga notte di cascate di fuoco accoglierà i visitatori nei vari rioni della cittadina dell’Imperiese, dove anche le cantine saranno aperte per degustazioni gratuite.

Il programma di fuochi artificiali ligure è ampio ed articolato su numerose località fra cui Rapallo, con il Palio Pirotecnico della Madonna di Montallegro dell’1, 2 e 3 luglio, Chiavari (Madonna dell’Orto, 3 luglio), Camogli ( Capodanno, Festa di San Fortunato, seconda domenica di maggio), Bogliasco (luglio, Carmine), Gattorna (Madonna della Guardia, settembre), Sori, Festa dell’Assunta, (Ferragosto), Zoagli (Festa del Mare, settembre), La Spezia (Palio del Golfo, prima domenica d’agosto), San Lorenzo della Costa (Santa Margherita Ligure) il 10 agosto, Sestri Levante, Sagra del Bagnun a Riva Trigoso (metà luglio) e “Barcarolata” nella Baia di Portobello (ultima domenica di luglio), Lavagna (Madonna del Ponte, metà settembre), Cicagna ( San Giovanni Battista a giugno e N.S dei Miracoli, a settembre), Favale di Malvaro (N.S. del Rosario, 3 ottobre), Genova (San Pietro , a giugno e “compleanno” del Porto Antico il 20 maggio), Portofino (Falò di San Giorgio (21 aprile), Arenzano (Ss Nazario e Cosimo , luglio), Alassio ( Ferragosto), Albenga (2 luglio e 10 agosto), Sanremo (Ferragosto).

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>