Published On: Mar, Dic 6th, 2016

Le Poesie di Enrico Rovegno all’Economica di Chiavari

La Società Economica di Chiavari con il Patrocinio del Comune di Chiavari presenta:

Il cielo è paziente (Non riderà per ultimo Berlicche)
Poesie (2005-2015) di Enrico Rovegno

La musicalità della poesia incrocia la poesia della musica. Sarà un appuntamento raffinato e inusuale la presentazione dell’ultima fatica poetica di Enrico Rovegno, che si propone come “Piccolo concerto di poesia e musica” grazie alla complicità del maestro Canzio Bucciarelli, che eseguirà al pianoforte alcuni brani musicali scelti dall’autore, per le relazioni con i testi poetici.

“Il cielo è paziente” (Non riderà per ultimo Berlicche), edizioni Gammarò, questo il titolo della raccolta, che coprendeliriche composte tra il 2005 e il 2015 e che verrà presentata:

Sabato, 10 Dicembre, alle ore 17.30  presso l’Auditorium San Francesco

Oltre al dialogo con la musica, ci sarà spazio per il confronto con Francesco De Nicola (Università di Genova, critico letterario) mentre spetterà a Marcello Vaglio il compito di introdurre l’appuntamento.

A proposito della poesia e dell’opportunità di fare (ed ascoltare) poesia oggi, Enrico Rovegno afferma:

“Chiunque ha ancora e sempre qualcosa da dire, ma non sempre è disposto ad ascoltare; così, sarebbe interessante che chi scrive si sforzasse di conoscere anche quello che altri hanno scritto sullo stesso argomento, su una situazione umana simile alla sua. Invece, paradossalmente, milioni di italiani scrivono poesie, ma i libri di poesia sono le cenerentole delle librerie, spesso ridotti a doni per gli amici, perché la maggior parte di coloro che scrivono poesie poi non ritengono utile leggerne. In questo senso spesso, purtroppo, è realistico pensare: se non si leggono Dante e Ariosto, Saba e Montale, perché si dovrebbe leggere un qualsiasi Rovegno? Resta poi un problema di fondo: la propria “ispirazione poetica” non può non alimentarsi della poesia di altri. Ricordo a tale proposito un bell’intervento di Bruno Lauzi, cantante e poeta. La poesia non è autosufficiente. Un verso come “Dolce e chiara è la notte e senza vento” può e deve nutrire lo sguardo di mille e mille altri, e orientarli perché non cadano nella mera imitazione e ripetizione…”

Enrico Rovegno, nato a Genova nel 1950, chiavarese, è sposato, padre di due figli e nonno. Vive a Cavi di Lavagna. Laureato in Lettere Moderne presso la Facoltà di Genova con una tesi su La luna e i falò di Cesare Pavese ha insegnato letteratura e storia presso l’Istituto d’Arte di Chiavari. Nella sua attività di scrittore ha pubblicato:

Romanzi: Vigilia, Genova, Marietti, 1997, vincitore del Premio Anthia;
Le mele di Zurbaràn, Genova, Marietti, 1992;
Appuntamento con il drago, Sestri Levante, Gammarò, 2008, vincitore del Premio Chiavari 2008;
Racconti: Il gallo la luna e la paura, Chiavari, Sagno, 1987;
Piccolo manuale di fauna alternativa, in Nuova Prosa, 1989;
Tempo di esistere (con Vincenzo Gueglio) Sestri Levante, Gammarò, 2006;
Poesie: I corvi di Elia, Forlì, Forum, 1979;
Sul dorso del pesce, Genova, Ecig, 1988;
Ad familiares, Genova, De Ferrari, 2005;
Nel marzo 2016 una scelta antologica delle sue poesie è stata pubblicata su Internet da Bomba Carta (Lettera inversi numero 57)

Teatro: Avvocata Nostra, Chiavari, Iternòs, 2010, rappresentato a Chiavari in occasione del IV centenario della apparizione della Madonna Dell’Orto

Saggistica: ha pubblicato recensioni e articoli sulla “Rassegna della Letteratura Italiana” di W. Bini, su “Resine” di A. Guerrini, “Forum – Quinta generazione” di G. Piccari, “Nuova Prosa” di C. De Marchi, Avvenire; saggi su Cesare Pavese e Giorgio Caproni.

Organizzatore di eventi culturali. Dal 2014 è responsabile della Cultura e assessore alla Biblioteca della Società Economica di Chiavari, per la quale organizza cicli di conferenze, incontri e mostre.
società economica imprese